I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

  • Assemblea Pubblica Confimi Industria

    notizie

    Assemblea Pubblica Confimi Industria
    15 ottobre 2018
    Autodromo di Monza
    Registrati ora!

    Leggi tutto

  • Garanzia Giovani: protocollo d’intesa tra Ministero del Lavoro, ANPAL e Confimi Industria

    notizie

    Garanzia Giovani: protocollo d’intesa tra Ministero del Lavoro, ANPAL e Confimi Industria
    Un protocollo d’intesa per favorire l’occupazione giovanile nell’ambito di Garanzia Giovani è stato siglato dal Ministero del Lavoro, l’ANPAL e Confimi Industria

    Leggi tutto

  • Detrazione Iva: apertura dell'Agenzia delle entrate ai principi Ue

    notizie

    Detrazione Iva: apertura dell'Agenzia delle entrate ai principi Ue
    Dopo un lungo silenzio si è sbilanciata, finalmente, anche l'Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 1/E del 17/01/2018, e l’ha fatto nel migliore dei modi al momento possibili ossia riconoscendo che il "dies a quo" (termine di decorrenza iniziale) è legato alla doppia condizione sostanziale (esigibilità) e formale (possesso/ricezione fattura) come sostenuto nella denuncia ANC-Confimi presentata lo scorso maggio alla Commissione UE. Fugato altresì qualsiasi possibile dubbio sulla percorribilità della dichiarazione integrativa a favore.

    Leggi tutto

  • Adempimenti, serve una tregua

    Notizie

    Adempimenti, serve una tregua
    Confimi Industria e ANC fanno il punto dopo la vicenda relativa all’allargamento massiccio dello split payment da cui emergono paradossi che le due parti ritengono offensivi

    Leggi tutto

  • Metalmeccanici Confimi: Socrate misura post Jobs Act

    Categorie

    Metalmeccanici Confimi: Socrate misura post Jobs Act
    Il Presidente di Confimi Industria Meccanica Chini dichiara: "contratto all’avanguardia, rilanciate le relazioni tra le imprese e i sindacati".

    Leggi tutto

  • Tribunale Brevetti, Agnelli scrive a Calenda

    Notizie

    Tribunale Brevetti, Agnelli scrive a Calenda
    Confimi Industria torna ad occuparsi di Tribunale unico dei Brevetti e lo fa con una lettera firmata dal presidente Paolo Agnelli indirizzata al Ministro Calenda: “All’Italia la terza sede del Tribunale unico dei Brevetti, è ora di essere protagonisti”.

    Leggi tutto

  • Manovrina, beffe e complicazioni vanno a braccetto

    Dai Territori

    Manovrina, beffe e complicazioni vanno a braccetto
    Lorenzin sulla Manovrina: "Provvedimento sanguisuga dove beffe e complicazioni vanno ancora una volta a braccetto".

    Leggi tutto

Confimi Industria Alimentare
Categorie

Confimi Industria Alimentare

La nuova sezione di Confimi Industria Alimentare. Un mondo di informazioni e servizi per le industrie agroalimentari italiane.

Comunicati Stampa
Notizie

Comunicati Stampa

I comunicati stampa della nostra Confederazione

Le nostre sedi
dai territori

Le nostre sedi

Le sedi territoriali di Confimi Industria

Per la Commissione Europea le interpretazioni fornite dall'Agenzia delle entrate sono conformi alla giurisprudenza della Corte di Giustizia; per ANC e Confimi rimane da chiarire il coordinamento con il DPR 100

E’ arrivata l’attesa risposta della Commissione UE sulla denuncia presentata lo scorso anno dall’Associazione Nazionale Commercialisti (ANC) e Confimi Industria in alla presunta violazione ai principi comunitari delle novità introdotte dal DL 50/2017 (manovra correttiva) in materia di detrazione Iva. I principi della direttiva Iva prevalgono sulle modifiche alla norma nazionale introdotte in materia di detrazione e il coordinamento interpretativo fornito dall'Agenzia delle Entrate con la circolare n. 1/E del 17/01/2018 si fonda sulla "pertinente giurisprudenza della Corte di Giustizia". Questa, in sintesi, la risposta che la Commissione Europea (TAXUD C3 D(2018) 5007306) ha inviato ad  ANC e Confimi Industria proponendo, salva la segnalazione di nuovi elementi, l'archiviazione del caso.
                
L'interpretazione fornita con la suddetta circolare assorbe i numerosi profili di contrasto evidenziati nella denuncia giacché conformi proprio agli insegnamenti giurisprudenziali evidenziati nella denuncia stessa. Insegnamenti basati appunto sull'esigenza che, ai fini della detrazione, sussistano sia il requisito sostanziale dell'esigibilità (effettuazione dell'operazione) che quello formale del possesso (arrivo) della fattura. Interpretazione grazie alla quale, di fatto, il "dies ad quem" (termine finale) per la detrazione torna a essere congruo (questo era lo scopo della denuncia) anche per le fatture emesse a fine anno e "arrivate" nei primi giorni del nuovo anno. Per una fattura di fine anno arrivata i primi giorni del nuovo anno è così possibile esercitare la detrazione nel corso dell’intero nuovo anno senza il rischio di perdere il diritto come invece deriverebbe dall’interpretazione letterale della norma nazionale.

Una delegazione di Confimi Industria composta da Sergio Ventricelli Presidente di Confimi Industria Puglia e delegato nazionale Industria Culturale, da Fabio Ramaioli Direttore Generale Confimi Industria e da Riccardo Figliolia Segretario di Confimi Industria Puglia, ha incontrato il Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale Barbara Lezzi. 

"Qualificazione delle imprese: è fondamentale riconoscerne l'importanza per quanto riguarda le imprese specialistiche anche e soprattutto nel campo dei beni culturali".
"Manutenzione e messa in sicurezza del territorio: Finco ha elaborato un dossier chiamato 'Per un'Italia più bella e più sicura', con suggerimenti volti alla valorizzazione ma soprattutto alla conservazione, tutela e messa in sicurezza dei beni culturali sul territorio del nostro Paese. In questo senso ci rendiamo immediatamente disponibili a fornire il nostro contributo tecnico e di esperienze alla rivitalizzata Unità Operativa  sulla Sicurezza del Patrimonio Culturale del nostro Paese". Così Carla Tomasi, la Presidente di FINCO - Federazione Industrie Prodotti ,Impianti , Servizi ed Opere Specialistiche per le Costruzioni e la Manutenzione - nel lungo e cordiale  incontro con il Ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli tenutosi ieri. A sua volta il Ministro si è detto vivamente interessato all'acquisizione di ogni possibile contributo da parte delle imprese operanti nel settore, sia per gli aspetti tecnici sia per quanto attiene le vischiosità procedurali in generale sulle quali sta già operando per fare chiarezza e per ottenere risparmio nei tempi di attuazione. Ed in proposito ha  illustrato sia i criteri operativi cui intende attenersi, sia  in quali termini affidare specifici compiti di ricognizione, analisi e proposta ai diversi organi interni e uffici del Dicastero.
Nell'intervento e nelle repliche il Ministro ha trattato anche i temi dell'internazionalizzazione nonché quelli collegati al rinnovato rapporto fra Ministero e Soprintendenze.
La delegazione FINCO era composta , insieme alla Presidente, dai vertici delle associazioni federate presenti nella filiera dei beni culturali: Claudio Calastri per Archeoimprese, Antonio Maisto per Assoverde, Paolo Pastorello per Restauratori Senza Frontiere e Kristian Schneider per ARI-Restauratori Italiani, nonché il Direttore Generale di FINCO, Angelo Artale, con il Responsabile delle Relazioni Istituzionali Francesco Morabito.
Trattati poi anche altri temi rilevanti ma più specifici , tra i quali:
Archeologia: è stata messa in evidenza l'assoluta urgenza della emanazione del Decreto attuativo della legge 110/2014. E' stata sottolineata la problematica inerente l'accorpamento delle Sovrintendenze nonchè la necessità di un capitolato di appalto per l'archeologia unico per le diverse stazioni appaltanti, tenuto conto che esse si muovono oggi in modo spesso notevolmente difforme.
Verde storico: l'istanza fortemente sollecitata da Assoverde - e condivisa da tutta la Filiera - riguarda la categoria di lavori specialistici OS 24 che dovrebbe essere suddivisa in Os 24A e OS24B, quest'ultima riferita ai soli lavori di verde storico.
Restauro: i Presidenti sia di ARI sia di Restauratori  Senza Frontiere, hanno enfatizzato l'opportunità di riservare al settore degli appalti dei beni culturali una chiara e decisa specificità. E' stato anche ricordato il ruolo di assoluto prestigio del restauro italiano in campo internazionale. Hanno inoltre ricordato la necessità che venga al più presto licenziato l'Elenco dei Restauratori di cui all’art. 182 del Dlgs 42/2004 che già mesi fa era dato per concluso e pronto, ma finora non portato a completamento procedurale. Il Ministro ha dato assicurazioni in tal senso. Infine è stato espresso l'auspicio della costituzione di un Tavolo congiunto degli Uffici Legislativi Mit/Mibact in merito al tema degli appalti, così come sono state trattate più specifiche questioni connesse al DM Mibact 154/2017 di attuazione del Codice Appalti già prospettate al precedente Capo dell’Ufficio Legislativo, rimaste senza un formale riscontro.



.
Confimi Industria rappresentata dal Direttore Generale Fabio Ramaioli e dal responsabile delle Relazioni sindacali Mario Borin  e Cgil, Cisl e Uil, hanno sottoscritto un accordo sui principi guida volti a regolare le modalità con le quali si potranno sottoscrivere gli accordi sindacali territoriali e/o aziendali, in attuazione delle finalità perseguite dalla legislazione in materia di credito d’ imposta per le attività di formazione.

Tale accordo arriva  dopo che le parti hanno  valutato le disposizione previste dalla legge di Bilancio 2018 e aver considerato che il credito di imposta previsto dalla legge  rappresenta una significativa misura di sostegno alla formazione sui temi dell’ Industria 4.0.
Pertanto le attività di formazione del personale dipendente nel settore delle tecnologie previste dal Piano nazionale Industria 4.0  dovranno essere definite con un accordo sindacale aziendale o territoriale per poter accedere al beneficio in questione.
E' un  passo assolutamente importante utile alle imprese del sistema Confimi Industria nonché ai lavoratori e propedeutico alle intese territoriali.
 
“Meno investimenti, meno crescita, meno posti di lavoro, la sintesi di Confindustria sul Dl Dignità è davvero riduttiva e non dipinge un’immagine lusinghiera degli imprenditori”. Commenta così Paolo Agnelli presidente di Confimi Industria le dichiarazioni dell’associazione di viale dell’Astronomia.
“Pur riconoscendo il valore della flessibilità, non si può immaginare che gli imprenditori italiani cambino le loro strategie di investimento e produzione solo per una riduzione della durare del contratto a termine”. “Per non parlare dei numeri sulla perdita dei posti di lavoro, a nostro avviso esagerati”.
“Riteniamo più importane e più serio un confronto con il Governo sulla riduzione del cuneo fiscale perché renderebbe più competitive le aziende sui mercati nazioni e internazionali” spiega Agnelli “Questo metterebbe le imprese italiane nella condizione di assumere e a tempo indeterminato senza paura”.
“Serve inoltre una maggiore attenzione a favorire un migliore accesso al credito alle piccole e medie imprese, questo permetterebbe di sostenere gli investimenti e quindi la crescita”.
“È assolutamente condivisibile ed etico - sottolinea anche Agnelli - il principio secondo il quale le imprese che hanno ricevuto finanziamenti di stato per  investimenti produttivi rimangano in Italia almeno per il termine di 5 anni”.
E in chiusura il presidente di Confimi Industria “Siamo convinti che questo eccessivo allarmismo possa generare soltanto un clima inadeguato al sistema produttivo italiano”.