I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

  • Adempimenti, serve una tregua

    Notizie

    Adempimenti, serve una tregua
    Confimi Industria e ANC fanno il punto dopo la vicenda relativa all’allargamento massiccio dello split payment da cui emergono paradossi che le due parti ritengono offensivi

    Leggi tutto

  • Metalmeccanici Confimi: Socrate misura post Jobs Act

    Categorie

    Metalmeccanici Confimi: Socrate misura post Jobs Act
    Il Presidente di Confimi Industria Meccanica Chini dichiara: "contratto all’avanguardia, rilanciate le relazioni tra le imprese e i sindacati".

    Leggi tutto

  • Tribunale Brevetti, Agnelli scrive a Calenda

    Notizie

    Tribunale Brevetti, Agnelli scrive a Calenda
    Confimi Industria torna ad occuparsi di Tribunale unico dei Brevetti e lo fa con una lettera firmata dal presidente Paolo Agnelli indirizzata al Ministro Calenda: “All’Italia la terza sede del Tribunale unico dei Brevetti, è ora di essere protagonisti”.

    Leggi tutto

  • Manovrina, beffe e complicazioni vanno a braccetto

    Dai Territori

    Manovrina, beffe e complicazioni vanno a braccetto
    Lorenzin sulla Manovrina: "Provvedimento sanguisuga dove beffe e complicazioni vanno ancora una volta a braccetto".

    Leggi tutto

Twitter
Notizie

Twitter

Il nostro profilo Twitter, con tutti gli aggiornamenti sulle attività della nostra Confederazione

Comunicati Stampa
Notizie

Comunicati Stampa

I comunicati stampa della nostra Confederazione

Le nostre sedi
dai territori

Le nostre sedi

Le sedi territoriali di Confimi Industria

Si è costituita la categoria CONFIMI IMPRESA MECCANICA alla presenza del Presidente di Confimi Impresa Paolo Agnelli, del Vice Presidente Confimi Impresa e Presidente Api Verona Arturo Alberti, e del delegato alle Relazioni Industriali di Confimi Impresa Piero Arduini.

Unico candidato alla Presidenza della categoria è risultato essere l'ingegnere Riccardo Chini, eletto all'unanimità dei presenti con un mandato di tre anni.

E' stata inoltre eletta la Giunta di Presidenza composta da Riccardo Chini (Presidente); Giovanni Di Donato -Vice Presidente Vicario (Torino); Graziella Bellotti - Vice Presidente (Modena), Carla Marcaccioli - Vice Presidente (Umbria); Massimo Busato - Vice Presidente (Verona), Paolo Rizzato - Vice Presidente (Vicenza), Roberto Valentin - Vice Presidente (Bergamo). Segretario della Categoria è stato nominato Gian Marco Andrei.

Oggi ultimo giorno di campagna elettorale prima delle tradizionali ventiquattr'ore di silenzio che precedono le giornate del voto di domenica 24 e lunedì 25 febbraio.
Confimi Impresa, lancia il suo ultimo appello alla politica per sostenere il manifatturiero italiano, fonte di benessere e veicolo di eccellenza dell'Italia nel mondo.

"Oggi le imprese italiane si trovano in netto svantaggio nella competizione dei mercati – esordisce il Presidente di Confimi Impresa Paolo Agnelli - Non si può competere se abbiamo il più alto costo del lavoro in Europa e l'energia (+35% rispetto ai maggiori competitors) più cara a livello mondiale perché non si sono fatte le opportune scelte di politica energetica. Alla politica e al futuro governo chiediamo una riforma vera che agisca: sugli oneri eccessivi che incidono sul costo del lavoro; sulla revisione degli oneri indeducibili (sull'IMU dichiarata indeducibile grava il 27% dell'IRES); sul contributo alle energie rinnovabili che, allo stato attuale, gravano sul manifatturiero italiano per circa il 25% del costo energetico affossando del tutto la competitività del nostro sistema; sul credito alle imprese favorendo la ricostruzione di quel rapporto di fiducia tra banca ed impresa sul territorio; sulla PA affinché torni ad essere un contraente affidabile. Lo Stato – chiude Agnelli - soccorra l'economia nazionale, il suo patrimonio rappresentato dalle pmi del manifatturiero".

"CONFIMI IMPRESA dice basta ad un sistema di rappresentanza ormai superato dalla storia e dalla complessità dei problemi. La concertazione in questi 20 anni non è servita a favorire lo sviluppo economico del paese, a migliorare le condizioni dei lavoratori e delle imprese. Ci auguriamo che la nuova fase di ricostruzione non riproponga modelli di concertazione già sperimentati in passato 'chiusi' ed ancorati a vecchi modelli di rappresentanza e a strumenti consociativi estranei alle attuali istanze che provengono dall'industria manifatturiera. Oggi abbiamo bisogno di un grande rinnovamento". Questa la dichiarazione di Paolo Agnelli, Presidente di CONFIMI IMPRESA.

A CONFIMI IMPRESA, Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa privata, aderiscono 20.000 imprese con 330.000 addetti, per un fatturato aggregato di 70 miliardi di euro. L'Associazione nasce dalla necessità di rappresentare le esigenze reali del settore manifatturiero, un settore che risente profondamente della crisi in atto e che necessita di politiche che sappiano incidere realmente sullo stato di salute delle imprese.

CONFIMI IMPRESA- Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata - rafforza la propria capacità di rappresentanza delle piccole e medie imprese del manifatturiero italiano con l'ingresso delle associazioni territoriali di Ravenna, Bologna, Firenze e di Confimi Impresa Calabria.

La Confederazione è così presente in 9 regioni: Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Umbria e Lazio a cui si aggiungono Toscana e Calabria, con 16 uffici territoriali dove operano circa 250 funzionari al servizio delle imprese associate. Un sistema che ad oggi riunisce circa 20 mila imprese per 330 mila dipendenti con un fatturato aggregato dell'ordine di 70 miliardi di euro.

L'allargamento di CONFIMI IMPRESA, che avviene a poco più di un mese di distanza dalla sua costituzione, intercetta un bisogno diffuso delle PMI del Paese per una rappresentanza in grado di esprimere unicamente le istanze delle imprese ed il rilancio del settore manifatturiero che soffre in particolare le imposizioni sul costo del lavoro (il più alto in Europa) e gli elevati costi dell'energia (i più alti al mondo), in un clima di fiducia in progressiva diminuzione - da 88,9 di dicembre 2012 a 88,2 secondo i dati Istat diffusi a fine gennaio – e in un contesto nazionale in cui chiudono circa 10.000 imprese al mese.

Confimi Impresa - la Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’impresa Privata - che rappresenta 20.000 imprese per 330.000 dipendenti e circa 70 miliardi di euro di fatturato aggregato, esprime forte preoccupazione per il provvedimento inserito nella legge di stabilità che introduce la possibilità per le Regioni di intervenire sull’imposizione fiscale. 

Il Senato, infatti, ha deciso di allentare alcuni vincoli fiscali, cui sarebbero state sottoposte le Regioni nel 2013. L'aumento dell'addizionale Irpef sulle persone fisiche oltre lo 0,5% sarebbe stato possibile solo per quelle che non avessero anche aumentato l'Irap sulle imprese. Invece nel 2013 potranno alzare tutte e due le imposte. 

Il rischio di un aumento generalizzato delle tasse regionali è solo un ipotesi per il momento, perché il tetto di spesa del Patto non consentirebbe alle Regioni di utilizzare il maggior gettito, ma la porta, è aperta, almeno per quelle che avranno necessità di far quadrare i conti e ridurre il disavanzo.