I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

In provincia di Modena sorge il primo parco a tema dedicato ad un prodotto IGP: oltre 40.000 mq nella campagna tra Carpi e Correggio, dove si snoda un percorso nel verde che segue la vita dell’aceto balsamico, dall’uva alla sua ampolla, con una sala di invecchiamento per oltre 8 milioni di litri di aceto. 

Sono oltre 5mila i prodotti agroalimentari tradizionali censiti dal Ministero dell’Agricoltura. Un tesoro alimentare ma anche culturale che ogni anno milioni di turisti scoprono e apprezzano e che permette all’Italia di detenere l’invidiabile record mondiale per varietà e ampiezza del patrimonio agroalimentare. Lo studio svolto dall’agenzia di comunicazione Klaus Davi & Co., realizzato su 1.820 turisti, ha focalizzato i dieci prodotti italiani più amati dai turisti stranieri arrivati quest’anno nel Belpaese.

DALLA ‘NDUJA ALLA PIADINA: I PRODOTTI PIÙ AMATI

  • Al primo posto si piazzano a pari merito la ‘ndujae il pesto genovese(19%), due prodotti per i quali vanno pazzi soprattutto tedeschi, francesi e spagnoli,

Il governo italiano in carica ha esteso le competenze del ministero dell’agricoltura che un tempo fu. Dicastero che nel corso degli anni ha già esteso il proprio mandato alle politiche alimentari e forestali. Cosa cambia, con l’ulteriore attribuzione di compiti relativi al turismo in Italia, si vedrà. È presto per esprimere giudizi, e la speranza rimane alta. 

L’Italia del resto raccoglie un crescente interesse dei turisti globali quale meta d’interesse storico e archeologico, paesaggistico e culturale nel senso più ampio. Con attenzione altresì crescente verso la cultura millenaria del cibo, che distingue la nostra popolazione come pochissime altre sul pianeta.

Il Palazzo della Burocrazia – in Roma, via XX Settembre – aveva causato preoccupazione a centinaia di migliaia di imprese alimentari italiane, ad agosto scorso. Mediante un paio di circolari che paventavano l’obbligo di modificare in tempi brevi le etichette di almeno un paio di miliardi di referenze. Le quali avrebbero dovuto aggiornare i riferimenti delle rispettive certificazioni, da parte di enti autorizzati dal MiPAAFT anziché dal MiPAAF.

La paventata modifica, come è evidente, non avrebbe aggiunto alcuna informazione utile si consumatori. I quali già potevano confidare nell’autorevolezza dei certificati bio, DOP e IGP da parte degli organismi e consorzi a tal uopo accreditati presso il ministero. Viceversa – per quanto banale possa apparire ai non addetti e ai burocrati – la semplice aggiunta di una ‘T’ avrebbe comportato oneri insopportabili per le aziende. 

Il ministro Gian Maria Centinaio ha però corretto il tiro del Palazzo della Burocrazia. Dopo tempestiva consultazione delle rappresentanze di filiera interessate, il titolare del dicastero ha ordinato la pubblicazione di nuove circolari ove è previsto che la fatidica ‘T’ a margine di ‘MiPAAFT’ potrà venire aggiunta, senza fretta, "alla prima occasione utile".  

In termini pratici, allorché le imprese che realizzano prodotti alimentari certificati bio, DOP e IGP si troveranno a rivedere o ristampare le proprie etichette, senza bisogno di destinare al macero alcuna di quelle già a magazzino, potranno provvedere all’aggiornamento richiesto. 

Si attende ora che il ministro metta fine alle bizantine diciture ‘Certificato da Organismo di Controllo autorizzato dal Mipaaft‘ o ‘Certificato da Autorità pubblica designata dal Mipaaft’.  Diciture che non sono previste dai regolamenti europei – i quali  disciplinano in maniera esaustiva le produzioni in esame – e non aggiungono alcun valore a etichette già contrassegnate dai distintivi logo UE.
La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha pubblicato la sentenza che dispone che i prodotti puramente vegetali non possono, in linea di principio, essere commercializzati con denominazioni, come «latte», «crema di latte o panna», «burro», «formaggio» e «yogurt», che il diritto dell’Unione riserva ai prodotti di origine animale. Ciò vale anche nel caso in cui tali denominazioni siano completate da indicazioni esplicative o descrittive che indicano l’origine vegetale del 

Si parla spesso di start-up ma forse non per tutti è chiaro cosa si intende con questa denominazione: cerchiamo di fare chiarezza. Il termine start-up (dall’inglese “inizio”) indica l’avvio di una nuova impresa, con tutto ciò che ne comporta a livello organizzativo e strutturale. Si tratta, dunque, di piccole realtà che nascono da sempre più numerosi neo-imprenditori che decidono di investire tempo e denaro per concretizzare la loro idea imprenditoriale.

  • SUMMER FANCY FOOD SHOW, 9 TENDENZE DA NON PERDERE

    Il Summer Fancy Food Show di Specialty Food, edizione 2019, ha acceso i riflettori su di una nuova serie di novità nel mondo del Food & Beverage. L’edizione di quest’anno ha visto la partecipazione di oltre 2.500 espositori: il luogo ideale per vedere e gustare il futuro del cibo. Secondo Symrise, questi sono i 9 nuovi trend in arrivo dall’altra sponda dell’Atlantico:

    Leggi tutto

  • CONFIMI INDUSTRIA BARI PUNTA SUL CILE, PIATTAFORMA STRATEGICA PER LE IMPRESE PUGLIESI

    Confimi Industria Bari punta sul Cile e lo fa attraverso una proficua collaborazione con l’Ambasciata cilena in Italia e l’agenzia di sviluppo ProChile. “Porteremo le nostre aziende nel più tecnologico paese sudamericano e apriremo anche al turismo e all’agroalimentare”. Così Sergio Ventricelli, presidente di Confimi Industria Bari, Bat, Foggia promotore dell’incontro odierno nella Camera di Commercio di Bari in collaborazione con le due istituzioni cilene, Dialogòi, Distretto Produttivo dell’Industria Culturale e PugliaPromozione (GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=G-PhuNoEep4&t=13s)

    Leggi tutto

  • FORMAGGI ITALIANI, 2019 BRILLANTE PER L’EXPORT

    Il 2019 si sta concretizzando come un anno brillante per l’export di formaggi italiani, con un vero e proprio boom in Giappone, Stati Uniti e Indonesia. Nel primo trimestre, in base ai dati di Assolatte l’export caseario nazionale è cresciuto del +12,2% in valore e del +8,3% in volume proseguendo

    Leggi tutto

  • E-COMMERCE, IL FOOD CRESCERA’ NEI PROSSIMI 5 ANNI

    Un recente studio di Field Agent illustra la crescente disponibilità dei consumatori americani a spostare almeno una parte della loro spesa di generi alimentari in direzione dell’e-commerce. Man mano che un numero sempre maggiore di negozi di alimentari lancia o espande i servizi di e-commerce, sta diventando infatti più facile per i consumatori provare gli acquisti online.

    In base al sondaggio, la spesa all’interno degli store fisici resta il metodo principale per il 97% degli acquirenti.

    Leggi tutto

  • ACCORDO CONFIMI INDUSTRIA – EULER HERMES

    Confimi Industria  ha voluto confermare la propria partnership con Euler Hermes, sottoscrivendo una nuova convenzione più vantaggiosa in sostituzione di quella in vigore dal 2016. Euler Hermes è il leader dell’assicurazione del credito in Italia ed opera anche nel settore delle Cauzioni, e nel Recupero Crediti.

    Leggi tutto

  • CARNE COLTIVATA: VANTAGGI ETICI E PROGRESSI TECNOLOGICI

    La carne coltivata realizzata facendo crescere cellule staminali del muscolo di manzo, maiale, pollo o pesce fino a ottenere fibre indistinguibili da quelle della carne tradizionale, è una realtà che attende solo le autorizzazioni per entrare sul mercato.

    Leggi tutto