I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

Confimi Industria applaude alle iniziative presentate oggi dal Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio in occasione del Tavolo permanente PMI instaurato a fine 2018. Confimi ha apprezzato l’attuazione - da parte del governo - dello statuto delle imprese legato allo Small Business Act, la presentazione della nuova piattaforma sugli incentivi per le imprese e la misura dello Sblocca Cantieri.
Il provvedimento Crescita Pmi -  presentato oggi - individua quattro aree di intervento a sostegno delle imprese italiane: Sviluppo, Tutela del made in Italy, Internazionalizzazione, Finanza di impresa.
Fabio Ramaioli, DG della Confederazione, intervenuto ai lavori, oltre a esprimere la soddisfazione di Confimi Industria per le proposte presentate, ha posto l’accento sulla necessità di intervenire ulteriormente sul tema del costo energetico per le PMI e sulla formazione professionale e sull’orientamento scolastico, aree di intervento riconosciute dal Ministero tanto che saranno integrate alle quattro già presentate.

Nel gennaio 2018 veniva formalizzato un Contratto di Rete tra tutti i Centri Servizi di riferimento delle dieci associazioni che fanno capo a Imprese & Territorio per dare vita ad un Digital Innovation Hub dedicato (non esclusivamente) alle PMI bergamasche e denominato, non a caso, I&T - Innovation and Technology Hub, con sede all’interno dell’area del POINT di Dalmine. A un anno di distanza, visti i risultati, è possibile dire che la scelta è stata giusta. “Il tema dell’innovazione - sottolinea Alberto Brivio, presidente di Imprese &Territorio - non investe solo le grandi realtà industriali ma anche altri settori come l’agricoltura, il commercio, l’artigianato, i trasporti e la cooperazione. Per questo motivo, ma non solo, Imprese & Territorio ha deciso di seguire il percorso dell’innovazione nel suo insieme, favorendo soprattutto quelle azioni che in sinergia valorizzano le specifiche peculiarità. Ora sarà importante continuare su questo processo di ammodernamento, che nel nostro caso non riguarda solo il tema specifico dell’innovazione digitale, bensì trasferisce concretamente il concetto di rete in un modo di fare impresa che guarda al futuro”.

SACE SIMEST, il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, e Confimi Industria, Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata, annunciano la firma di un protocollo d’intesa per aumentare la proiezione internazionale delle industrie associate.
Grazie all’accordo, le aziende potranno accedere più facilmente alle soluzioni assicurativo-finanziarie del Polo per la crescita sui mercati esteri, consultabili sul sito di Confimi all’interno di una pagina co-branded dedicata. Le imprese associate parteciperanno a eventi di business matching, iniziative dedicate alle principali filiere rappresentate e a incontri di formazione mirati su export e internazionalizzazione. In questa direzione, saranno inoltre coinvolte nel progetto Education to Export, innovativo programma di formazione di SACE SIMEST per avvicinare le Pmi ai mercati esteri e rafforzare la preparazione di quante già vi operano attraverso percorsi digitali e corsi in aula.

Si è svolto oggi presso la Saps del Gruppo Agnelli di Lallio l’incontro di una delegazione di Imprenditori di Confimi Industria Lombardia con Lara Magoni, Assessore al Turismo, marketing territoriale e moda della Regione Lombardia e Alessandro Mattinzoli, Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lombardia.
Nella visita ai reparti produttivi dell’azienda che realizza pentole professionali sono state viste tutte le fasi di lavorazione realizzate con macchinari automatizzati di cui l’ultimo, realizzato grazie anche agli strumenti messi a disposizione dall’Assessorato guidato da Mattinzoli in tema di 4.0. Dopo i reparti di produzione e il magazzino recentemente automatizzato, sono stati visitati il Museo della Pentola e lo show room dell’azienda che produce strumenti di cottura da oltre cent’anni.
L’incontro è proseguito in un pranzo nel quale sono stati affrontati i principali strumenti che la Regione Lombardia mette a disposizione delle PMI manifatturiere e le richieste di queste ultime nei confronti dell’Ente regionale.
L’Assessore Magoni ha ricordato l’ingente sforzo che la regione sta facendo per la crescita del turismo in tutto il territorio e gli ambiziosi obiettivi che sono stati dati in termini di aumento della presenza turistica in tutta la Lombardia. Un trend di crescita evidente anche nella Provincia di Bergamo a beneficio di tutte le aziende del comparto compreso quelle degli strumenti per la ristorazione.
L’Assessore Mattinzoli ha evidenziato il lavoro svolto nei primi nove mesi di governo, il mantenimento degli strumenti precedentemente attivati a supporto delle imprese e quelli nuovi in avvio come il bando per investimenti riservati alle micro e piccole imprese di imminente emanazione. 
Gli Imprenditori, espressione delle Presidenze delle Associazioni Provinciali aderenti a Confimi Industria e di quella nazionale con Paolo Agnelli, hanno evidenziato agli Assessori regionali la necessità di porre grande attenzione al rapporto PMI/credito dato che i segnali di trend per i prossimi mesi evidenziano un probabile irrigidimento dell’accesso al credito per le piccole e medie imprese oltre al ormai storico problema legato alla sburocratizzazione, freno allo sviluppo e alla crescita.

Le parti si sono date appuntamento ai prossimi tavoli tematici regionali per proseguire nella costruzione di azioni a supporto della crescita delle PMI della Regione Lombardia.
Ora più che mai interi settori produttivi stanno affrontando un cambiamento storico, destinato a segnare uno spartiacque con i modelli di business precedenti. Si parla di quarta rivoluzione industriale. Di questo si è discusso ad Altamura presso la Molitecnica Sud snc in un incontro promosso da Confimi Industria Puglia e Confimi Industria Basilicata: la smart manufacturing tra innovazione, competitività e impresa. Un percorso obbligato anche per le piccole e medie imprese per non essere tagliate fuori dal mercato nel giro di qualche anno a favore di altre aziende con modelli di business più dinamici e veloci.