I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

Finanziamenti della Regione Lombardia nel 2013: a Bergamo tante richieste per export e sviluppo aziendale, meno per la ricerca tecnologica

Nell’incontro “Export, Credito e Finanza” di questa sera a Terno d’Isola saranno presentati, accanto ai nuovi strumenti per le PMI locali, i dati sul 2013

Prima a pari merito con la Provincia di Milano nel numero di domande presentate a valere sull’internazionalizzazione, seconda insieme a Milano e dietro Brescia per lo sviluppo aziendale, quarta dopo Milano, Brescia e Mantova per le domande sulla ricerca.
Sono questi i piazzamenti della Provincia di Bergamo nell’analisi delle domande presentate dalle imprese a valere sugli strumenti della Regione Lombardia per il 2013 che saranno presentati nel corso del convegno “Export, Credito e Finanza – le nuove opportunità per le PMI” organizzato da Confimi Apindustria Bergamo insieme al Comune di Terno d’Isola che si terrà il 24 gennaio a partire dalle ore 18 presso l’Auditorium Don Bosco ternese.

La ricerca, effettuata dalla società IBS di Brescia che collabora da oltre un decennio sul tema del credito e della finanza agevolata con Confimi Apindustria, rivela un’ottima performance delle imprese bergamasche sul fronte della richiesta di risorse per l’attività rivolta all’estero. Il risultato orobico è ancor più interessante se si considera che Milano ha un numero di imprese di gran lunga superiore a quelle della nostra Provincia.

“Aprirsi ai nuovi mercati, cercare soluzione esterne al mercato abituale è diventata un’azione indispensabile per la sopravvivenza delle piccole e medie imprese manifatturiere. La nostra Associazione – spiega il Presidente Paolo Agnelli – sta dedicando risorse e strumenti per l’accompagnamento all’internazionalizzazione delle imprese, siamo consapevoli che chi opera esclusivamente nel mercato interno o non possiede clienti orientati all’export costituisce una fascia debole a rischio di sopravvivenza futura. Iniziative come quella di questa sera sono fatte proprio per avvicinare le imprese manifatturiere sul territorio a questi argomenti che, accanto all’esigenza di liquidità, la fornitura di energia a tariffe agevolate e la manodopera qualificata, costituiscono elementi essenziali per le PMI della nostra Provincia”.

Nell’incontro sarà anche presentato il progetto finanziato dalla Provincia di Bergamo, realizzato in collaborazione con tutte le parti sociali bergamasche, per sperimentare modelli che agevolino il reinserimento dei lavoratori in mobilità, un numero purtroppo in crescita continua, mediante azioni mirate che coinvolgono direttamente sia i lavoratori sia le imprese.