I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

Formazione obbligatoria per carrellisti, Apindustria Vicenza

Il 12 marzo scade il termine ultimo per allineare la formazione dei carrellisti alla nuova normativa che ha aumentato a 12 ore l’obbligo formativo per il personale preposto all’uso dei carrelli elevatori.


La formazione svolta precedentemente al 2013 - normalmente inferiore alle 12 ore attuali - resterà infatti valida solo a condizione che i carrellisti frequentino un corso di aggiornamento di 4 ore entro la fatidica data del 12 marzo 2015. 
Secondo le nostre informazioni alla vigilia della scadenza si stanno riscontrando molte difficoltà, sia da parte delle Aziende, che degli Enti formatori, e sicuramente moltissime aziende non riusciranno ad ottemperare in tempo utile alle nuove prescrizioni. 
“La preoccupazione della nostra Associazione - sottolinea Flavio Lorenzin, presidente di Apindustria Vicenza – sta nel fatto che molte aziende si troveranno nell’impossibilità pratica di rispettare il termine del 12 marzo per il completamento dei corsi e questo “comporterebbe”, stante l’attuale interpretazione della norma, l’invalidazione totale della formazione già effettuata in passato. Il risultato sarebbe quello di costringere l’azienda ad una formazione ex-novo anche di un carrellista già formato e che opera magari già da diversi anni e questo con un conseguente aggravio di costi per l’impresa: il corso di aggiornamento è di 4 ore, quello ex novo di 12 ore. 
Ma quello che più preoccupa è che secondo una interpretazione - restrittiva quanto si vuole ma purtroppo molto accreditata - è che con l’invalidazione dei corsi precedenti verrebbe meno anche la possibilità di far utilizzare i carrelli elevatori a tutto quel personale che a questo punto risulterebbe non più formato, proprio per effetto del mancato adeguamento del corso. 
Auspichiamo pertanto un chiarimento che sgombri la strada da situazioni che possono divenire difficilmente governabili. 
La nostra proposta – conclude Lorenzin - va nella direzione di considerare validi i corsi già effettuati prima dell’entrata in vigore della nuova normativa, in attesa dell’integrazione con il nuovo percorso di aggiornamento” anche in data successiva al 12 marzo.” 
Apindustria Vicenza attraverso la sua Confederazione Nazionale Confimi si è già attivata presso i competenti organi nazionali al fine di evitare che la scadenza procuri un’ulteriore danno al mondo produttivo.