I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

Confimi Impresa, il report tavolo al Ministero dell'Ambente in materia di SISTRI

Nella giornata del 15 aprile CONFIMI Impresa ha presenziato la riunione indetta dal Ministero dell'Ambente in materia di SISTRI.
Hanno presieduto l'incontro il Consigliere Giuseppe Leotta - Vice Capo Gabinetto e  il Direttore Mariano Grillo; è intervenuto  l'Amministratore Delegato della CONSIP Domenico Casalino.

Sono state illustrate le linee operative per il bando di concessione per la strumentazione informatica del nuovo Sistema di tracciabilità per i rifiuti, che deve essere approntato entro il prossimo 30 giugno (con realizzazione entro il 31 dicembre 2015).

La CONSIP ha evidenziato come l'obiettivo semplificazione del SISTRI passi attraverso alcune scelte:

·         piena interoperabilità con i diversi sistemi informatici;

·         integrazione di alcuni sistemi di anagrafe e/o banche dati;

·         eliminazione black box (utilizzo specifico su cronotachigrafo dei mezzi);

·         eliminazione chiavette USB (nuovi sistemi di accreditamento e certificazione utente);

·         eliminazione regime cartaceo e quindi del cosiddetto doppio binario.

Le categorie presenti pur apprezzando alcuni elementi innovativi e di semplificazione hanno evidenziato le seguenti problematiche:

- chiara e definitiva "bocciatura del SISTRI e di ogni nuovo progetto ad esso correlato;

- riordino normativo;

- sospensione della contribuzione fino all'implematzione del nuovo sistema;

- sospensione delle sanzioni, tra l'altro inadeguate rispetto all'entità del contributo;

- affidamento del gestionale ad ente pubblico (ad es Albo Gestori) in quanto non può esserci garanzia e tutela dell'Utenza,  visti i contenuti del Sistema, con una gestione privata;

- interventi urgenti/provvisori in quanto i tempi per il nuovo Sistema sono come minimo previsti per il 2016.