I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

Confimi Impresa, incontro al Ministero dell'Ambiente sui sottoprodotti

CONFIMI Impresa ha presenziato alla riunione svoltasi a Roma, presso il Ministero dell'Ambiente il 14 aprile, presieduta dal Sottosegretario al Ministero dell'Ambiente Silvia Velo, con la partecipazione del Direttore Mariano Grillo e del Dirigente Annaclaudia Servillo, per la decretazione ex art. 184-bis del D.lg. 152/2006. 

Il Ministero ha illustrato lo schema di decreto che si coniuga molto bene con l'articolo di riferimento sopra citato, e contiene criteri indicativi per agevolare l'impresa nell'individuazione del regime da applicare (rifiuto o non rifiuto).

Sono quindi definite più chiaramente le condizioni di cui alle lettere a), b), c) e d) del comma 1 dell'articolo 184-bis; sono elementi importanti del decreto  le norme previste per sciogliere alcuni dubbi sul concetto di normale pratica industriale (e cioè le operazioni consentite sul materiale per il successivo riutilizzo come sottoprodotto), sull'onere della prova a carico del produttore del sottoprodotto, sulla rispondenza ai requisiti richiesti, le previsioni sul deposito dei sottoprodotti e del trasporto.
Nel corso della riunione sono stati evidenziate alcune problematiche applicative, quali: la "complessità" dell'onere della prova per le piccole imprese, la formazione degli organi di controllo, eventuali procedure di ricorso.
Se tutta la disciplina non fosse ben definita paradossalmente la norma potrebbe avere l'effetto opposto, e cioè la scelta di gestire il materiale come rifiuto.
Viene chiaramente specificata la differenza tra le operazioni per il riutilizzo del sottoprodotto e quelle tipiche del processo di recupero.