I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

Confimi Emilia aderisce al protocollo per il contrasto alla contraffazione

Confimi Emilia aderisce al protocollo per il contrasto alla contraffazione

Questa mattina, a Palazzo Caprara, sede della Prefettura, il Prefetto Ennio Mario Sodano ed il Presidente di Confimi Emilia Giovanni Gorzanelli, presente il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Gen. B. Antonio Sebaste, hanno sottoscritto l’atto di adesione dell’Associazione delle Imprese Manifatturiere del Territorio Emiliano al protocollo d’intesa per il contrasto alla commercializzazione di prodotti contraffatti stipulato lo scorso 23 aprile.

Grazie anche al contributo di Confimi Emilia, associazione di rappresentanza di piccole e medie imprese, che ha di recente assunto una struttura aggregata tale da ricomprendere tutta l’area dell’Emilia, viene pertanto rafforzata l’azione sinergica di contrasto dell’abusivismo commerciale e della contraffazione, avviata la scorsa primavera.

A tal fine il Protocollo individua la Guardia di Finanza - per il suo ruolo di Polizia economica e finanziaria a tutela delle regole del mercato e della leale concorrenza tra gli operatori economici -quale principale soggetto deputato a ricevere le segnalazioni in materia di contraffazione e abusivismo commerciale, e si sofferma, in particolare, sui seguenti ulteriori aspetti: analisi di laboratorio delle merci sospette di contraffazione, azioni per l’incremento dei sequestri di merce contraffatta e l’individuazione di luoghi idonei al deposito della stessa, adeguata campagna informativa e di sensibilizzazione sul tema.

Nel corso dell’incontro il Prefetto ha ribadito l'importanza dell'impegno sia delle Istituzioni sia delle Associazioni nella lotta a tali attività illegali, le cui conseguenze dannose sono note e riguardano non solo gli aspetti economici di tutela della concorrenza leale ma anche il rischio per la salute e la sicurezza per i consumatori in genere.