I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

Dalla parte delle imprese lucane - dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 31 dicembre.

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 31 dicembre 2015

Dalla parte delle imprese lucane


Si scrive Cofimi e significa Confederazione nazionale dei l'industria manifatturiera italiana e dell'impresa privata. Aderiscono 29 mila imprese per 410 mila addetti, con un fatturato aggregato di oltre 71 miliardi di euro. Una parte sono rappresentate da Cofimi Basilicata che.nella nuova sede in via La Martella, in una conferenza stampa si è presentata pubblicamente e ha anticipato le attività le sette iniziative previste per il 2016 all'interno del grande contenitore denominato Progetto Internazionalizzazione(Fieree Missioni). Per la cronaca, fanno parte della giunta regionale di Confimi Basilicata il presidente Nicola Fontanarosa, il vice presidente vicario Carlo Montesano, il vice presidente Luca Montano. Rosalba Dragone, Vito Buono e Giovanni Bruno mentre Tania Tataranni è la responsabile della segreteria organizzativa. «La missione di Confimi - ha precisato Fontanarosa - sarà quella di supportare lo sviluppo e la crescita dei le imprese lucane e di slimolare l'avvio d nuove politiche industriali. I valori dell'associazione sono la centralità dell'impresa, l'importanza del ruolo dell'imprenditore e l'atte i m o ne all' innovazione. Confimi si propone di ascoltare !e esigenze, i bisogni e le aspettative delle imprese con l'obiettivo di dare risposte e soluzioni, di cogliere opportunità e bisogni emergenti, oltre a rispondere alle esigenze espresse delle imprese associate, in modo proattivo e, quando possibile, originale e personalizzato, di promuovere tutte le opportunità tra le imprese, colile imprese, con le istituzioni e con tutti i soggetti con cui si possa fare "sistema". Oltre a i classici servizi istituzionali, sindacali, di rappresentanza e di progettazione territoriale, l'associazione garantisce servizi specialistici a sportello front office e back office». È stata quindi la volta del Progetto internazionalizzazione di Confimi, che attraverso gli accordi con Simest, Sace ed Ice organizza, promuove e favorisce l'ingresso delle aziende associate in nuovi mercati.

Per il 2016 le fiere individuate sono q u a t t o : ad aprile la Fiera di Hannover (Germania) dedicata alla meccanica, a maggio Cibus a Parma dedicato all'agroindustria, a settembre la fiera tedesca EruioTrans dedicata al ferroviario e organizzata da M e s e Berlin e ad ottobre il Sìal, fiera francese dedicata all'agroindustria. Per le missioni, dopo aver attivato canali utili in ben 21 Paesi di tutto il mondo. 
Confimi ha in programma la missione a Cuba tra il 20 e il 27 febbraio 2016. I settori interessati d a incontri B2B sono meccanica agrìcola, logìstica a temperatura controllata, energie alternative, infrastrutture, agroalimentare. Un'altra missione prevista nei prossimi mesi riguarda il Camerun, sìa per le prospettive di sviluppo del suo mercato interno, sia per i progetti già individuati e pubblicati dall'ambasciata.

I settori in questo caso riguardano la filiera del legno, le energie alter native e le costr uzion i In proposito Fontan arosa ha evidenziato le opportunità del progetto di una città ecosostenibile ad economia completa inco-partecipazione tra governocamerunense, nunziatura apostolica e fondi di investimento statunitensi per il quale sono già disponibili 63G milioni di euro. Per i progetti di internazionalizzazione 
Confimi Industria e in grado di fornire alle associate informazioni e documenti circa i finanziamenti che Simest e Sace mettono a disposizione delle aziende che programmano investimenti commerciali nei paesi esteri. L'ufficio inoltre affianca le imprese predisponendo tutto il materiale per le demanda ed eseguendo le rendicontazioni intermedie e finali.

Gli altri sei progetti per l'anno prossimo riguardano il Programma Garanzia Giovani e le start up di imprese, il Progetto FilTur Matera - Basilicata 2019 (filiera turistico-culturale). il Progetto Greenergy, la Basilicata Manifattura 4.0, il Food in Basilicata e il Piano Zero Rifiuti.