I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

Twitter
Notizie

Twitter

Il nostro profilo Twitter, con tutti gli aggiornamenti sulle attività della nostra Confederazione

Comunicati Stampa
Notizie

Comunicati Stampa

I comunicati stampa della nostra Confederazione

Le nostre sedi
dai territori

Le nostre sedi

Le sedi territoriali di Confimi Industria

CONFIMI BOLOGNA: INAUGURATA LA NUOVA SEDE DEDICATA ALLE PMI DEL TERRITORIO

Il presidente Stefano Bonaccini: "Le piccole e medie imprese sono uno dei nostri patrimoni più preziosi, lavorare in sinergia è di estrema importanza"

I vertici di Confimi Emilia, le autorità cittadine e le imprese del territorio hanno tenuto a battesimo la nuova sede di Confimi Emilia, situata in via di Corticella 184/10. Il taglio del nastro è stato effettuato direttamente da Stefano Bonaccini, il presidente della Regione Emilia-Romagna ha augurato buon lavoro a tutti gli addetti ai lavori di Confimi: "Le pmi rappresentano uno dei più grandi patrimoni del territorio emiliano, è nostro compito assisterle ed aiutarle in questa delicata fase storica, una fase dove non esistono più limiti, dove non esistono più frontiere irraggiungibili. Auguro a tutti i dirigenti di Confimi e a tutte le pmi associate buon lavoro, lavorare insieme è di vitale importanza. Il manifatturiero italiano deve rimanere una priorità della nostra agenda politica".

Pino Flamini, presidente di Confimi Bologna
"Una nuova sede per rinvigorire l'operato di Confimi a Bologna" questa la frase d'apertura di Pino Flamini, presidente di Confimi Bologna e primo motore della rinata associazione che, anche nel bolognese, trova e cerca nuovi associati e nuove idee utili a rilanciare e a proteggere l'operato delle nostre Piccole e medie imprese in Italia e, soprattutto, nel mondo. "Questa sede deve essere una piazza aperta, pronta ad ascoltare chi fa impresa, mi auguro di vedere sempre più aziende entrare a fare parte della nostra associazione, oggi più di ieri le pmi devono stare unite e confrontarsi per rispondere in modo unilaterale alle insidie e agli attacchi che, ogni giorno, siamo costretti a subire". Flamini, imprenditore a capo della serigrafia digitale Staff, ha inoltre aggiunto: "Tra le mie priorità c'è la volontà di creare un confronto costruttivo tra banche e pmi del territorio. L'istituto di credito ha il dovere di entrare nelle imprese, di visitarle e di capire quali sono le potenzialità e le reali necessità di ciascuno. Troppe volte banca e imprenditore parlano lingue diverse". 

Giovanni Gorzanelli, presidente di Confimi Emilia
Alla riunione inaugurale erano presenti tutti i vertici di Confimi Emilia, tra gli interventi più significativi quello di Giovanni Gorzanelli, imprenditore titolare della Margen di Maranello e timoniere di Confimi Emilia: "Stiamo cercando di potenziare la rete di servizi che offriamo alle aziende, anche ultimamente abbiamo inserito diverse figure nuove pronte a rispondere alle richieste dei nostri associati" Gorzanelli ha inoltre aggiunto: "Oggi l'imprenditore necessita di una consulenza continuativa su più fronti: noi siamo pronti a dare informazioni utili ed in tempo reale a tutti coloro che vengono a bussare alla nostra porta".

Mario Lucenti, direttore generale di Confimi Emilia
In sala, prima del brindisi finale, anche il direttore Mario Lucenti ha voluto informare le aziende del lavoro svolto per le pmi, lavoro che trova continuità e risultati grazie ad una serie di progetti a lungo termine che, proprio in questi giorni, iniziano a dare i loro frutti: "Stiamo sondando il terreno in tantissime nazioni asiatiche ed americane, le pmi emiliane hanno una qualità riconosciuta anche nel più remoto angolo della terra. Stiamo cercando di portare il Made in Italy in ogni mercato emergente. L'internazionalizzazione è un processo più radipo del previsto".

La serata, il brindisi del manifatturiero bolognese
Una bellissima serata magistralmente organizzata da Tania Tarquini, responsabile del welfare aziendale di Confimi Emilia nonché grande conoscitrice del mondo imprenditoriale bolognese. Al termine del dibattito e della celebrazione inaugurale imprenditori ed addetti ai lavori si sono trattenuti per una cena in piedi che si è svolta sul tetto del palazzo di via di Corticella, edificio che domina le colline bolognesi regalando uno dei panorami più belli della città. Ad allietare la serata le fotografie e le immagini della fotografa Merve Hasman Salvatori, artista internazionale che ha voluto arricchire questo momento aggregativo dando un tocco di originalità aggiungendo la mostra "fiat POP lux" a completamento della ricca giornata griffata Confimi Emilia.