I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

Agnelli su Dl Dignità:“Confindustria sbaglia nel fare allarmismo”

“Meno investimenti, meno crescita, meno posti di lavoro, la sintesi di Confindustria sul Dl Dignità è davvero riduttiva e non dipinge un’immagine lusinghiera degli imprenditori”. Commenta così Paolo Agnelli presidente di Confimi Industria le dichiarazioni dell’associazione di viale dell’Astronomia.
“Pur riconoscendo il valore della flessibilità, non si può immaginare che gli imprenditori italiani cambino le loro strategie di investimento e produzione solo per una riduzione della durare del contratto a termine”. “Per non parlare dei numeri sulla perdita dei posti di lavoro, a nostro avviso esagerati”.
“Riteniamo più importane e più serio un confronto con il Governo sulla riduzione del cuneo fiscale perché renderebbe più competitive le aziende sui mercati nazioni e internazionali” spiega Agnelli “Questo metterebbe le imprese italiane nella condizione di assumere e a tempo indeterminato senza paura”.
“Serve inoltre una maggiore attenzione a favorire un migliore accesso al credito alle piccole e medie imprese, questo permetterebbe di sostenere gli investimenti e quindi la crescita”.
“È assolutamente condivisibile ed etico - sottolinea anche Agnelli - il principio secondo il quale le imprese che hanno ricevuto finanziamenti di stato per  investimenti produttivi rimangano in Italia almeno per il termine di 5 anni”.
E in chiusura il presidente di Confimi Industria “Siamo convinti che questo eccessivo allarmismo possa generare soltanto un clima inadeguato al sistema produttivo italiano”.