I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

VINO ITALIANO IN POLVERE: ARRIVA LA PRIMA CONDANNA PER I WINE KIT VENDUTI ONLINE

Arriva la prima condanna per i cosiddetti wine kit, cioè quei prodotti che contengono tutto il necessario per riprodurre a casa il proprio vino preferito partendo da una polverina. E per questo uno degli imputati è stato condannato per “vendita di prodotti con segni mendaci”, in grado di trarre in inganno i consumatori su origine e provenienza dei mosti.

Wine kit: nel febbraio 2016 arriva la sentenza del Tribunale di Reggio Emilia. Assolti perché il fatto non sussiste. L’accusa andava dall’associazione a delinquere al concorso in frode e contraffazione: i wine kit posti in vendita con nomi dei vini italiani avrebbero causato un danno all’industria agroalimentare nazionale del settore vinicolo, per almeno 200 milioni di euro.

A distanza di tre anni è finalmente arrivata la sentenza della Corte di appello penale di Bologna che ha riformato la sentenza di 1° grado del Tribunale penale di Reggio Emilia, condannando uno degli imputati per il reato di cui all’art. 517 del codice penale “vendita di prodotti con segni mendaci”.

“…In conclusione, i nomi riportati sulle etichette contenute all’interno dei kit, erano perfettamente idonei a trarre in inganno l’acquirente sulla origine e sulla provenienza dei mosti utilizzati per comporre il kit, come quelli di origine territoriale dei vitigni da cui derivano i vini DOP contrassegnati da tali nominativi.(*) Si erano al tempo costituite parte civile Federdoc e Cia-Agricoltori Italiani che oggi plaudono alla riforma della sentenza di Reggio Emilia.

Per Riccardo Ricci Curbastro, presidente di Federdoc, “Questa sentenza costituisce un primo traguardo in quanto non sono più in vendita sul mercato internazionale wine kit che utilizzano riferimenti dei nostri vini Dop o Igp. Un risultato – sottolinea  Curbastro – che ci consente di contenere la perdita economica ma anche di contenere il danno di immagine e rafforzare l’attività di tutela nei confronti del consumatore internazionale.”
Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social