I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

DL CRESCITA: LE MISURE PER IL SOSTEGNO DEL COMPARTO AGROALIMENTARE

Inizia a Montecitorio l’iter di discussione del decreto Crescita, contenente diverse misure volute dal Governo Conte per rilanciare l’economia. Alcune di queste sono dedicate alla tutela del comparto agroalimentare: dalla lotta all’Italian sounding, all’incentivo per il deposito di marchi e brevetti, al credito d’imposta per la partecipazione delle piccole e medie imprese a fiere internazionali all’estero.

L’imitazione dei prodotti italiani attraverso l’evocazione del nostro Paese su prodotti con origine estera colpisce in maniera molto forte le eccellenze del made in Italy . Per contrastarlo e tutelarsi le nostre imprese devono agire per via giudiziaria con rilevanti costi da sostenere che a volte rendono difficile perseguire questa strada. Per essere al loro fianco, si è pertanto previsto un credito d’imposta in grado di coprire il 50% delle spese sostenute per la tutela legale dei propri prodotti. Il contrasto all’Italian sounding viene poi rafforzato anche attraverso l’estensione della relativa competenza al Consiglio nazionale Anticontraffazione la cui composizione viene arricchita con l’inserimento tra i membri effettivi anche di un rappresentante del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca vista la crescente necessità di coinvolgere le giovani generazioni in attività di formazione e sensibilizzazione sul tema della contraffazione e della falsa evocazione dell’origine italiana dei prodotti. Alla valorizzazione e alla riconoscibilità dei nostri prodotti è finalizzata la promozione sui mercati esteri di marchi collettivi o marchi di certificazione privati nonché sono previste misure specifiche per favorire il deposito di brevetti da parte delle imprese, delle start up innovative in particolare.

Il Dl Crescita contiene, inoltre, misure per la tutela dei marchi storici di interesse nazionale, con la creazione di un logo dedicato, rivolto ai titolari o licenziatari esclusivi di marchi d’impresa italiani registrati da almeno 50 anni o per i quali sia possibile dimostrare l’uso continuativo da mezzo secolo. Molti marchi fanno parte infatti della nostra storia e sono pertanto patrimonio del nostro Paese con fortissimi contenuti di immagine e di know how. Prima della chiusura o della delocalizzazione di uno stabilimento, le imprese dovranno avvisare il Ministero dello Sviluppo economico che le guiderà alla ricerca di un acquirente o all’individuazione di attività sostitutive per la reindustrializzazione e l’utilizzo del marchio storico stesso. Viene istituito un fondo di 30 milioni di euro per il 2020 ai quali si aggiunge lo stanziamento di 400.000 euro per l’assunzione dal 2020 di personale specializzato (10 unità) presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi.

Infine, per incrementare il livello e la qualità di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese italiane viene riconosciuto un credito d’imposta pari al 30% delle spese sostenuto fino ad un massimo di 60.000 euro per la partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali di settore che si svolgono all’estero. Sono sostenute le spese relativa all’affitto degli spazi espositivi e al loro allestimento, alle attività pubblicitarie, di promozione e di comunicazione connesse alla partecipazione.
  • SUMMER FANCY FOOD SHOW, 9 TENDENZE DA NON PERDERE

    Il Summer Fancy Food Show di Specialty Food, edizione 2019, ha acceso i riflettori su di una nuova serie di novità nel mondo del Food & Beverage. L’edizione di quest’anno ha visto la partecipazione di oltre 2.500 espositori: il luogo ideale per vedere e gustare il futuro del cibo. Secondo Symrise, questi sono i 9 nuovi trend in arrivo dall’altra sponda dell’Atlantico:

    Leggi tutto

  • CONFIMI INDUSTRIA BARI PUNTA SUL CILE, PIATTAFORMA STRATEGICA PER LE IMPRESE PUGLIESI

    Confimi Industria Bari punta sul Cile e lo fa attraverso una proficua collaborazione con l’Ambasciata cilena in Italia e l’agenzia di sviluppo ProChile. “Porteremo le nostre aziende nel più tecnologico paese sudamericano e apriremo anche al turismo e all’agroalimentare”. Così Sergio Ventricelli, presidente di Confimi Industria Bari, Bat, Foggia promotore dell’incontro odierno nella Camera di Commercio di Bari in collaborazione con le due istituzioni cilene, Dialogòi, Distretto Produttivo dell’Industria Culturale e PugliaPromozione (GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=G-PhuNoEep4&t=13s)

    Leggi tutto

  • FORMAGGI ITALIANI, 2019 BRILLANTE PER L’EXPORT

    Il 2019 si sta concretizzando come un anno brillante per l’export di formaggi italiani, con un vero e proprio boom in Giappone, Stati Uniti e Indonesia. Nel primo trimestre, in base ai dati di Assolatte l’export caseario nazionale è cresciuto del +12,2% in valore e del +8,3% in volume proseguendo

    Leggi tutto

  • E-COMMERCE, IL FOOD CRESCERA’ NEI PROSSIMI 5 ANNI

    Un recente studio di Field Agent illustra la crescente disponibilità dei consumatori americani a spostare almeno una parte della loro spesa di generi alimentari in direzione dell’e-commerce. Man mano che un numero sempre maggiore di negozi di alimentari lancia o espande i servizi di e-commerce, sta diventando infatti più facile per i consumatori provare gli acquisti online.

    In base al sondaggio, la spesa all’interno degli store fisici resta il metodo principale per il 97% degli acquirenti.

    Leggi tutto

  • ACCORDO CONFIMI INDUSTRIA – EULER HERMES

    Confimi Industria  ha voluto confermare la propria partnership con Euler Hermes, sottoscrivendo una nuova convenzione più vantaggiosa in sostituzione di quella in vigore dal 2016. Euler Hermes è il leader dell’assicurazione del credito in Italia ed opera anche nel settore delle Cauzioni, e nel Recupero Crediti.

    Leggi tutto

  • CARNE COLTIVATA: VANTAGGI ETICI E PROGRESSI TECNOLOGICI

    La carne coltivata realizzata facendo crescere cellule staminali del muscolo di manzo, maiale, pollo o pesce fino a ottenere fibre indistinguibili da quelle della carne tradizionale, è una realtà che attende solo le autorizzazioni per entrare sul mercato.

    Leggi tutto