I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

COCA-COLA & PEPSI SI CONVERTONO ALL'ACQUA

I due giganti delle cola, la PepsiCo e la Coca-Cola, sembrano rassegnate alla perdita di acquirenti delle bevande grazie alle quali sono diventate marchi globali e decisi a puntare su altro. Soprattutto sull’acqua, ovvero sulla controparte delle sempre più diffuse borracce e, al tempo stesso, sulla risposta ai divieti di utilizzo della plastica monouso. Ne dà notizia il Wall Street Journal, che racconta gli ultimi progetti delle due aziende. Entrambe, infatti, stanno crescendo nel mercato delle acque: nell’ultimo anno la Coca-Cola, con la linea Dasani, ha aumentato le vendite delle sue del 2%, la Pepsi, con Aquafina, del 4,6%. Nel frattempo, la prima ha annunciato che entro il 2025 in Europa le sue confezioni saranno tutte riciclabili e che entro il 2030 saranno tutte inserite nel sistema di riciclaggio, e ha iniziato a proporre bottiglie di alluminio anche per la Dasani.

La Pepsi Cola, dal canto suo, ha acquistato la Soda Stream per 3,2 miliardi di dollari e ha lanciato il marchio Drinkfinity, ovvero bottiglie di plastica riciclabile comprensive di capsule per l’aromatizzazione a scelta. Ma ciò su cui sembrano puntare molto sono i distributori, che stanno sperimentando in campus e grandi aziende. Il concetto è lo stesso per entrambe: si dà la possibilità di prendere gratuitamente dai distributori acqua naturale, oppure di pagare un piccolo extra per avere acqua gasata o aromatizzata (circa 3 centesimi di dollaro per oncia, poco più di 28 ml).
Interessanti le modalità di pagamento: via carta di credito o cellulare, con app specifiche e probabilmente presto anche con adesivi da applicare alle borracce, o con borracce realizzate ad hoc (la Pepsi sta lavorando con l’azienda S’well in merito), che il distributore riconosce.

Ciò permetterebbe, naturalmente, di profilare le abitudini del consumatore nelle diverse situazioni o momenti della giornata (per esempio a pranzo, o in palestra e così via), ma anche di accedere ad abbonamenti e sconti e di avere il proprio prodotto preferito senza doverlo selezionare ogni volta.

Il distributore della Coca-Cola è stato introdotto a partire dal 2016 e la sua diffusione è in crescita, è di colore blu e si chiama Dasani PureFill, mentre quello della Pepsi, introdotto nel 2018, è bianco e viene proposto in due versioni: una grande, tradizionale, e una più piccola, idealmente da tenere in casa o sulla scrivania dell’ufficio. In entrambi i casi c’è la possibilità di disporre del gas o di diversi tipi di aromi.

Sempre secondo il Wall Street journal, negli USA dal 2016 le vendite di acqua hanno superato quelle di bibite zuccherate, con un’inversione di tendenza insperata fino a poco tempo fa, e spettacolare. Le aziende si adeguano. E questo dimostra quanto la volontà e le scelte dei consumatori possano davvero fare per giungere a uno stile di vita più sostenibile e sano.
  • Confimi Alimentare su dazi USA: “Dopo il parmesan sarà la volta del limoncello californiano”

    “Ormai è ufficiale, la nuova minaccia di Trump di aumentare i dazi fino al 100% in valore estendendo la black list a prodotti simbolo dell'agroalimentare italiano, vuol certamente favorire l'industria del falso Made in Italy” dichiara Pietro Marcato presidente di Confimi Alimentare. 

    Leggi tutto

  • FOOD, IL RISPARMIO PASSA DALLA BLOCKCHAIN

    Un recente studio condotto da Juniper Research sostiene che l’industria alimentare globale potrebbe risparmiare circa 31 miliardi di dollari entro il 2024 se le aziende utilizzassero la tecnologia blockchain per monitorare le loro catene di fornitura.

    Leggi tutto

  • DAZI USA : A RISCHIO OLIO EVO, VINO E PASTA

    Sono pronti a scattare nuovi dazi Usa su prodotti base della dieta mediterranea con la conclusione il 13 gennaio della procedura di consultazione avviata dal Dipartimento del Commercio (USTR) sulla nuova lista allargata dei prodotti europei da colpire che si allunga tra l'altro a vino, olio e pasta Made in Italy.

    Leggi tutto

  • ETICHETTATURA OBBLIGATORIA DEI SALUMI, VERSO IL VIA LIBERA

    Un deciso passo avanti nella direzione del via libera all’obbligo dell’etichettatura d’origine su tutti i salumi è arrivato con l’intesa recentemente raggiunta in Conferenza Stato Regioni sul decreto che introduce l’indicazione della provenienza per le carni suine trasformate. Un settore, quello della produzione di salumi e carne di maiale in Italia, che vale 20 miliardi di euro.

    Leggi tutto

  • RICHIAMATA TORTA DI NATALE BELLI FRESCHI

    Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di un lotto della torta di Natale senza glutine e senza lattosio Facciamo Festa a marchio Belli Freschi per la possibile presenza di proteine del latte non dichiarate in etichetta per una contaminazione crociata.

    Leggi tutto

  • SUCCHI DI FRUTTA…E DI BENESSERE

    Meno zuccheri (aggiunti) e più frutta. È questa la ricetta con cui le aziende del comparto dei succhi di frutta cercano di risollevare le sorti di un mercato che da qualche anno a questa parte appare in fase di stallo:

    Leggi tutto