I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

ALLUNGARE LA DATA DI SCADENZA DEL LATTE FRESCO PER RIDURRE LO SPRECO ALIMENTARE: LA PROPOSTA CHE PIACE AL MIPAAFT

La lotta allo spreco alimentare e alle emissioni di biossido di carbonio passa anche dalle date di scadenza, soprattutto quella di prodotti deperibili come il latte fresco e i latticini. Per questo, Granarolo ha dato vita a un piano anti-spreco per allungare la shelf-life dei suoi prodotti, puntando a una riduzione del 10% dei resi. Ma c’è un problema: la scadenza del latte fresco è rigidamente stabilita per legge. 

Il latte e i suoi derivati contribuiscono in misura considerevole allo spreco di cibo, e il latte fresco è uno dei principali colpevoli. Basti pensare che ogni giorno in Italia migliaia di litri di latte fresco 2-3 gironi prima della scadenza sono tolti dai banchi frigo dei supermercati e destinati alla distruzione o, nella migliore delle ipotesi, all’alimentazione animale.

Secondo la normativa (legge 204/2004) il latte fresco ha una scadenza fissata entro e non oltre il sesto giorno successivo alla data di confezionamento. Eppure sparisce dai banchi frigo già due o tre giorni prima della data indicata sulle bottiglie, perché, secondo i responsabili acquisti dei supermercati, i consumatori non lo comprano più.

Si tratta di una (cattiva) consuetudine frutto di accordi tra aziende e grande distribuzione. Eppure i produttori sanno che, se il latte è conservato bene, mantenendolo a una temperatura costante di 4°C, si può consumare senza rischi anche uno-due giorni dopo la scadenza. Secondo alcuni esperti di microbiologia il latte fresco conservato alla giusta temperatura può durare fino a nove giorni.

Insomma, la data di scadenza del latte fresco è rigidamente definita da una legge di 15 anni fa, rimasta rimasta indietro rispetto ai miglioramenti tecnologici che permettono di  estendere la shelf-life . Il problema è riconosciuto anche dal ministro delle Politiche agricole alimentari forestali e del turismo, Gianmarco Centinaio, che si è impegnato a convocare a Roma un tavolo di esperti e portatori di interesse per dibattere il problema.

Già nel 2018 la scadenza del latte fresco doveva essere liberalizzata, in accordo con la normativa europea. Tuttavia il decreto legislativo 231/17 che doveva abrogare i limiti ha cancellato solo quelli fissati con la precedente legge 169/1989, che stabiliva la scadenza del latte fresco non oltre il quarto giorno dal confezionamento. Che questa sia la volta buona?
  • ALLUNGARE LA DATA DI SCADENZA DEL LATTE FRESCO PER RIDURRE LO SPRECO ALIMENTARE: LA PROPOSTA CHE PIACE AL MIPAAFT

    La lotta allo spreco alimentare e alle emissioni di biossido di carbonio passa anche dalle date di scadenza, soprattutto quella di prodotti deperibili come il latte fresco e i latticini. Per questo, Granarolo ha dato vita a un piano anti-spreco per allungare la shelf-life dei suoi prodotti, puntando a una riduzione del 10% dei resi. Ma c’è un problema: la scadenza del latte fresco è rigidamente stabilita per legge. 

    Leggi tutto

  • CONFIMI INDUSTRIA BARI ORGANIZZA EVENTO “PUGLIA INCONTRA CILE: SVILUPPO E COOPERAZIONE"”

    Confimi Industria Bari, Bat, Foggia ha organizzato l’evento “la Puglia incontra il Cile: sviluppo e cooperazione” che si svolgerà il prossimo giovedì 11 luglio dalle 15 nella Camera di Commercio di Bari in occasione della prima visita ufficiale in Puglia di Sergio Romero Pizarro, Ambasciatore della Repubblica del Cile in Italia dallo scorso marzo.

    Leggi tutto

  • COCA-COLA & PEPSI SI CONVERTONO ALL'ACQUA

    I due giganti delle cola, la PepsiCo e la Coca-Cola, sembrano rassegnate alla perdita di acquirenti delle bevande grazie alle quali sono diventate marchi globali e decisi a puntare su altro. Soprattutto sull’acqua, ovvero sulla controparte delle sempre più diffuse borracce e, al tempo stesso, sulla risposta ai divieti di utilizzo della plastica monouso. Ne dà notizia il Wall Street Journal, che racconta gli ultimi progetti delle due aziende.

    Leggi tutto

  • GELATO ARTIGIANALE: COSA CONTROLLARE PER SCEGLIERE IL MIGLIORE

    Il gelato è forse il dolce più amato dagli italiani, come dimostrano le quasi 20 mila gelaterie sul territorio. Il problema è imparare a distinguere le vere gelaterie artigianali da quelle che non lo sono perché impiegano prevalentemente preparati e semilavorati industriali. La questione è complicata anche per la mancanza di una regolamentazione sulle caratteristiche del “gelato artigianale”.

    Leggi tutto

  • CARNE AVICOLA, UNA FILIERA DA OTTO MILIARDI

    Il valore condiviso della filiera avicola italiana sfiora gli 8 miliardi di euro. Nel 2018, la filiera di pollo e carni bianche ha infatti generato ricadute economiche e occupazionali per 7,9 miliardi, pari a quasi mezzo punto del Pil 2018 (0,45%) e superiori alla crescita attesa per l’intera economia italiana per il 2019 (+0,3%). A rivelarlo lo studio Althesys ‘La filiera avicola crea valore per l’Italia’ presentato a Roma durante l’assemblea di

    Leggi tutto

  • FARINE, CRESCE LA RICHIESTA DI BIOLOGICO E INTEGRALE

    In occasione dell’assemblea generale annuale ItalmopaAssociazione industriali mugnai d’Italia ha illustrato i dati relativi all’andamento del comparto delle farine nel 2018. Il volume dei prodotti dell’industria molitoria (farine, semole e sottoprodotti della macinazione) ha superato, gli 11 milioni di tonnellate. Un quantitativo sostanzialmente 

    Leggi tutto