I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

ALLUNGARE LA DATA DI SCADENZA DEL LATTE FRESCO PER RIDURRE LO SPRECO ALIMENTARE: LA PROPOSTA CHE PIACE AL MIPAAFT

La lotta allo spreco alimentare e alle emissioni di biossido di carbonio passa anche dalle date di scadenza, soprattutto quella di prodotti deperibili come il latte fresco e i latticini. Per questo, Granarolo ha dato vita a un piano anti-spreco per allungare la shelf-life dei suoi prodotti, puntando a una riduzione del 10% dei resi. Ma c’è un problema: la scadenza del latte fresco è rigidamente stabilita per legge. 

Il latte e i suoi derivati contribuiscono in misura considerevole allo spreco di cibo, e il latte fresco è uno dei principali colpevoli. Basti pensare che ogni giorno in Italia migliaia di litri di latte fresco 2-3 gironi prima della scadenza sono tolti dai banchi frigo dei supermercati e destinati alla distruzione o, nella migliore delle ipotesi, all’alimentazione animale.

Secondo la normativa (legge 204/2004) il latte fresco ha una scadenza fissata entro e non oltre il sesto giorno successivo alla data di confezionamento. Eppure sparisce dai banchi frigo già due o tre giorni prima della data indicata sulle bottiglie, perché, secondo i responsabili acquisti dei supermercati, i consumatori non lo comprano più.

Si tratta di una (cattiva) consuetudine frutto di accordi tra aziende e grande distribuzione. Eppure i produttori sanno che, se il latte è conservato bene, mantenendolo a una temperatura costante di 4°C, si può consumare senza rischi anche uno-due giorni dopo la scadenza. Secondo alcuni esperti di microbiologia il latte fresco conservato alla giusta temperatura può durare fino a nove giorni.

Insomma, la data di scadenza del latte fresco è rigidamente definita da una legge di 15 anni fa, rimasta rimasta indietro rispetto ai miglioramenti tecnologici che permettono di  estendere la shelf-life . Il problema è riconosciuto anche dal ministro delle Politiche agricole alimentari forestali e del turismo, Gianmarco Centinaio, che si è impegnato a convocare a Roma un tavolo di esperti e portatori di interesse per dibattere il problema.

Già nel 2018 la scadenza del latte fresco doveva essere liberalizzata, in accordo con la normativa europea. Tuttavia il decreto legislativo 231/17 che doveva abrogare i limiti ha cancellato solo quelli fissati con la precedente legge 169/1989, che stabiliva la scadenza del latte fresco non oltre il quarto giorno dal confezionamento. Che questa sia la volta buona?
  • Confimi Alimentare su dazi USA: “Dopo il parmesan sarà la volta del limoncello californiano”

    “Ormai è ufficiale, la nuova minaccia di Trump di aumentare i dazi fino al 100% in valore estendendo la black list a prodotti simbolo dell'agroalimentare italiano, vuol certamente favorire l'industria del falso Made in Italy” dichiara Pietro Marcato presidente di Confimi Alimentare. 

    Leggi tutto

  • FOOD, IL RISPARMIO PASSA DALLA BLOCKCHAIN

    Un recente studio condotto da Juniper Research sostiene che l’industria alimentare globale potrebbe risparmiare circa 31 miliardi di dollari entro il 2024 se le aziende utilizzassero la tecnologia blockchain per monitorare le loro catene di fornitura.

    Leggi tutto

  • DAZI USA : A RISCHIO OLIO EVO, VINO E PASTA

    Sono pronti a scattare nuovi dazi Usa su prodotti base della dieta mediterranea con la conclusione il 13 gennaio della procedura di consultazione avviata dal Dipartimento del Commercio (USTR) sulla nuova lista allargata dei prodotti europei da colpire che si allunga tra l'altro a vino, olio e pasta Made in Italy.

    Leggi tutto

  • ETICHETTATURA OBBLIGATORIA DEI SALUMI, VERSO IL VIA LIBERA

    Un deciso passo avanti nella direzione del via libera all’obbligo dell’etichettatura d’origine su tutti i salumi è arrivato con l’intesa recentemente raggiunta in Conferenza Stato Regioni sul decreto che introduce l’indicazione della provenienza per le carni suine trasformate. Un settore, quello della produzione di salumi e carne di maiale in Italia, che vale 20 miliardi di euro.

    Leggi tutto

  • RICHIAMATA TORTA DI NATALE BELLI FRESCHI

    Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di un lotto della torta di Natale senza glutine e senza lattosio Facciamo Festa a marchio Belli Freschi per la possibile presenza di proteine del latte non dichiarate in etichetta per una contaminazione crociata.

    Leggi tutto

  • SUCCHI DI FRUTTA…E DI BENESSERE

    Meno zuccheri (aggiunti) e più frutta. È questa la ricetta con cui le aziende del comparto dei succhi di frutta cercano di risollevare le sorti di un mercato che da qualche anno a questa parte appare in fase di stallo:

    Leggi tutto