I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

E-COMMERCE, IL FOOD CRESCERA’ NEI PROSSIMI 5 ANNI

Un recente studio di Field Agent illustra la crescente disponibilità dei consumatori americani a spostare almeno una parte della loro spesa di generi alimentari in direzione dell’e-commerce. Man mano che un numero sempre maggiore di negozi di alimentari lancia o espande i servizi di e-commerce, sta diventando infatti più facile per i consumatori provare gli acquisti online.

In base al sondaggio, la spesa all’interno degli store fisici resta il metodo principale per il 97% degli acquirenti. Il 52% degli intervistati, però, acquista già alcuni prodotti alimentari online, e il 21% si è detto aperto a questa possibilità. Numeri significativi per i retailer, che dimostrano da un lato come l’in-store sia ancora essenziale ma dall’altro che i consumatori richiedono sempre più spesso un’esperienza d’acquisto omnicanale.

Il 38% degli intervistati dichiara di utilizzare il pickup (ritiro in negozio dopo ordine online), mentre il 16% preferisce l’e-commerce ‘classico’, abbinato alla consegna a domicilio. Il che evidenzia l’importanza di garantire un’offerta forte su entrambi i fronti, che tra l’altro tendono ad attirare clientele diverse. I consumatori urbani preferiscono la consegna a domicilio, mentre il pickup è più diffuso nelle aree suburbane dove ci si sposta più facilmente in auto.

Walmart si conferma come la prima scelta per la spesa online – e in questo specifico sondaggio supera Amazon e Target di parecchio. Secondo tutti gli studi in materia, Walmart guida da tempo la classifica del pickup e la sta utilizzando per attirare nuovi clienti. Le sue dimensioni e le tariffe concorrenziali rendono difficile per gli altri retailer recuperare il ritardo; al tempo stesso, gli investimenti del gigante americano nell’online non accennano a calare. Target dal canto suo non è molto distante da Amazon, il che dimostra come i suoi recenti sforzi nell’e-commerce stiano dando i loro frutti, mentre la presenza di Amazon nelsettore alimentare non è ancora minimamente all’altezza della sua penetrazione in altri ambiti. Nel sondaggio emergono anche le ragioni principali della lentezza con cui il grocery online avanza. Per il 58% dei consumatori il problema principale consiste nel non essere in grado di scegliere personalmente i generi alimentari, verificando qualità e freschezza dei prodotti. Circa il 51% dichiara di voler continuare ad usufruire di promozioni e sconti in-store, e il 43% è preoccupato per eventuali costi aggiuntivi associati agli acquisti di generi alimentari tramite e-commerce.
  • Confimi Alimentare su dazi USA: “Dopo il parmesan sarà la volta del limoncello californiano”

    “Ormai è ufficiale, la nuova minaccia di Trump di aumentare i dazi fino al 100% in valore estendendo la black list a prodotti simbolo dell'agroalimentare italiano, vuol certamente favorire l'industria del falso Made in Italy” dichiara Pietro Marcato presidente di Confimi Alimentare. 

    Leggi tutto

  • FOOD, IL RISPARMIO PASSA DALLA BLOCKCHAIN

    Un recente studio condotto da Juniper Research sostiene che l’industria alimentare globale potrebbe risparmiare circa 31 miliardi di dollari entro il 2024 se le aziende utilizzassero la tecnologia blockchain per monitorare le loro catene di fornitura.

    Leggi tutto

  • DAZI USA : A RISCHIO OLIO EVO, VINO E PASTA

    Sono pronti a scattare nuovi dazi Usa su prodotti base della dieta mediterranea con la conclusione il 13 gennaio della procedura di consultazione avviata dal Dipartimento del Commercio (USTR) sulla nuova lista allargata dei prodotti europei da colpire che si allunga tra l'altro a vino, olio e pasta Made in Italy.

    Leggi tutto

  • ETICHETTATURA OBBLIGATORIA DEI SALUMI, VERSO IL VIA LIBERA

    Un deciso passo avanti nella direzione del via libera all’obbligo dell’etichettatura d’origine su tutti i salumi è arrivato con l’intesa recentemente raggiunta in Conferenza Stato Regioni sul decreto che introduce l’indicazione della provenienza per le carni suine trasformate. Un settore, quello della produzione di salumi e carne di maiale in Italia, che vale 20 miliardi di euro.

    Leggi tutto

  • RICHIAMATA TORTA DI NATALE BELLI FRESCHI

    Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di un lotto della torta di Natale senza glutine e senza lattosio Facciamo Festa a marchio Belli Freschi per la possibile presenza di proteine del latte non dichiarate in etichetta per una contaminazione crociata.

    Leggi tutto

  • SUCCHI DI FRUTTA…E DI BENESSERE

    Meno zuccheri (aggiunti) e più frutta. È questa la ricetta con cui le aziende del comparto dei succhi di frutta cercano di risollevare le sorti di un mercato che da qualche anno a questa parte appare in fase di stallo:

    Leggi tutto