I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

FORMAGGI ITALIANI, 2019 BRILLANTE PER L’EXPORT

Il 2019 si sta concretizzando come un anno brillante per l’export di formaggi italiani, con un vero e proprio boom in Giappone, Stati Uniti e Indonesia. Nel primo trimestre, in base ai dati di Assolatte l’export caseario nazionale è cresciuto del +12,2% in valore e del +8,3% in volume proseguendo il trend positivo che registrano da anni. In cifre assolute, le imprese italiane hanno venduto all’estero 102.045 tonnellate per un controvalore che ha sfiorato i 698 milioni di euro.

Grazie all’aumento dell’export e alla concomitante contrazione dell’importcaseario, la bilancia commerciale italiana del settore raggiunge un ulteriore miglioramento e chiude il trimestre con un risultato positivo superiore a 260 milioni di euro.

Tra i fenomeni più significativi del primo trimestre 2019 c’è la riscossa del Pecorino, che registra aumenti a doppia cifra in diversi mercati strategici: Francia (+12,0%), Germania (+13,4%), Regno Unito (+28,7%), Paesi Bassi (+50,7%), Asia (+14,5%). A spiccare è soprattutto il recupero negli Stati Uniti, il suo principale mercato di sbocco, dove è cresciuto del +32,5% rispetto al primo trimestre del 2018. Notevole la performance dei formaggi italiani in Giappone.

Il primo trimestre dell’anno si è chiuso con una crescita dei volumi del +25,8% e con significativi incrementi per gran parte delle categorie di prodotto: mozzarella (+101,8%), Grana Padano e Parmigiano Reggiano(+36,8%), Gorgonzola (+21,7%), Provolone (+33,8%). I formaggi italiani sono tornati a crescere, spesso in modo rilevante, anche negli storici mercati di sbocco europei. I risultati poco entusiasmanti della fine del 2018 hanno lasciato il posto a importanti incrementi in quasi tutti i mercati principali: +6,8% in Francia (nel 2018 aveva chiuso con un -2%); +8,1% nel Regno Unito(-8% l’anno scorso); +23,2% negli Stati Uniti (-15% nel 2018).

Al tempo stesso continuano ad espandersi i mercati emergenti, in particolare quelli asiatici. Nel primo trimestre 2019 le vendite di formaggi italiani sono cresciute del +74,9% in Indonesia e del +6,2% in Cina. Preoccupa, invece, il Canada, dove nel primo trimestre 2019 si è registrato un forte calo dell’export (-33,3%), frutto di un inizio anno particolarmente complesso (-57% a gennaio; -35% a febbraio; -9% a marzo).

La mozzarella cresce del +101,8% in Giappone e del +106,0% in Cina. Il Gorgonzola mette a segno un +78,0% in Indonesia e un clamoroso +529,1% in CinaGrana Padano e Parmigiano Reggiano avanzano di un ulteriore +24,7% negli Stati Uniti e di un +36,8% in Giappone. Il Provolone ottiene un brillante +76,3% in Spagna e un +60,9% in Austria. L’Asiago e i suoi ‘fratelli’ brillano in Francia (+16,8%), in Gran Bretagna (+18,2%) e, soprattutto, in Spagna (+28,8%).

Senza dimenticare la ‘grande famiglia’ dei formaggi freschi (come crescenza e robiola), che avanza del 22,2% in Belgio, del +46,7% in Canada e addirittura del +536,1% in Indonesia. Per concludere con i ‘comodi’ formaggi grattugiati, in aumento del +18,8% in Germania, del +29,2% in Canada e del +50,0% in Indonesia.
  • Confimi Alimentare su dazi USA: “Dopo il parmesan sarà la volta del limoncello californiano”

    “Ormai è ufficiale, la nuova minaccia di Trump di aumentare i dazi fino al 100% in valore estendendo la black list a prodotti simbolo dell'agroalimentare italiano, vuol certamente favorire l'industria del falso Made in Italy” dichiara Pietro Marcato presidente di Confimi Alimentare. 

    Leggi tutto

  • FOOD, IL RISPARMIO PASSA DALLA BLOCKCHAIN

    Un recente studio condotto da Juniper Research sostiene che l’industria alimentare globale potrebbe risparmiare circa 31 miliardi di dollari entro il 2024 se le aziende utilizzassero la tecnologia blockchain per monitorare le loro catene di fornitura.

    Leggi tutto

  • DAZI USA : A RISCHIO OLIO EVO, VINO E PASTA

    Sono pronti a scattare nuovi dazi Usa su prodotti base della dieta mediterranea con la conclusione il 13 gennaio della procedura di consultazione avviata dal Dipartimento del Commercio (USTR) sulla nuova lista allargata dei prodotti europei da colpire che si allunga tra l'altro a vino, olio e pasta Made in Italy.

    Leggi tutto

  • ETICHETTATURA OBBLIGATORIA DEI SALUMI, VERSO IL VIA LIBERA

    Un deciso passo avanti nella direzione del via libera all’obbligo dell’etichettatura d’origine su tutti i salumi è arrivato con l’intesa recentemente raggiunta in Conferenza Stato Regioni sul decreto che introduce l’indicazione della provenienza per le carni suine trasformate. Un settore, quello della produzione di salumi e carne di maiale in Italia, che vale 20 miliardi di euro.

    Leggi tutto

  • RICHIAMATA TORTA DI NATALE BELLI FRESCHI

    Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di un lotto della torta di Natale senza glutine e senza lattosio Facciamo Festa a marchio Belli Freschi per la possibile presenza di proteine del latte non dichiarate in etichetta per una contaminazione crociata.

    Leggi tutto

  • SUCCHI DI FRUTTA…E DI BENESSERE

    Meno zuccheri (aggiunti) e più frutta. È questa la ricetta con cui le aziende del comparto dei succhi di frutta cercano di risollevare le sorti di un mercato che da qualche anno a questa parte appare in fase di stallo:

    Leggi tutto