I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

ETICHETTATURA OBBLIGATORIA DEI SALUMI, VERSO IL VIA LIBERA

Un deciso passo avanti nella direzione del via libera all’obbligo dell’etichettatura d’origine su tutti i salumi è arrivato con l’intesa recentemente raggiunta in Conferenza Stato Regioni sul decreto che introduce l’indicazione della provenienza per le carni suine trasformate. Un settore, quello della produzione di salumi e carne di maiale in Italia, che vale 20 miliardi di euro. Il provvedimento prevede che i produttori indichino in maniera leggibile sulle etichette le informazioni relative a: Paese di nascita: (nome del Paese di nascita degli animali); Paese di allevamento: (nome del Paese di allevamento degli animali); Paese di macellazione: (nome del Paese in cui sono stati macellati gli animali). Quando la carne proviene da suini nati, allevati e macellati nello stesso paese, l’indicazione dell’origine può apparire nella forma: Origine: (nome del Paese). La dicitura “100% italiano” è utilizzabile solo quando la carne è proveniente da suini nati, allevati, macellati e trasformati in Italia. Quando la carne proviene da suini nati, allevati e macellati in uno o più Stati membri dell’Unione europea o extra europei, l’indicazione dell’origine può apparire nella forma: “Origine: Ue”, “Origine: extra UE”, “Origine: Ue e extra UE”. L’etichettatura dei salumi è l’ultimo capitolo di una lunga battaglia per la trasparenza. L’obbligo di indicare, in Italia, in etichetta l’origine per pelati, polpe, concentrato e altri derivati del pomodoroera arrivato nel febbraio 2018. Nello stesso periodo è entrato in vigore l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del grano per la pasta e del riso, mentre nell’aprile 2017 era scattato l’obbligo di indicare il Paese di mungitura per latte e derivati.
Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social