I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

ETICHETTA A SEMAFORO, STOP DAI COLOSSI DEL FOOD

Avevano lanciato nel marzo dell’anno scorso una sperimentazione dell’etichetta a semaforo (dal rosso a verde passando per una scala di colori per giudicare i contenuti di grassi, zuccheri e sale) denominata Enl, Evolved Nutrition Label, impegnandosi a provarla sui loro prodotti in determinate regioni per verificarne l’efficacia. Si tratta dei colossi internazionali Coca Cola, Nestlè, Mondelez, Unilever, PepsiCo e Mars. Quest’ultimo si è chiamato fuori dall’iniziativa comune a marzo di quest’anno, perché riteneva che questa mancasse di credibilità e di consensi. Nei giorni scorsi, anche le altre cinque multinazionali hanno comunicato la sospensione della sperimentazione di questo tipo sui cibi. Tutte e cinque le compagnie riconoscono che la misurazione per porzioni fissata dall’etichetta a semaforo è insufficiente e conduce a fraintendimentirendendo impossibile supportare un tale schema. “In questo contesto, ed in assenza di una definizione giuridica che fissi la quantità delle porzioni – si legge in una nota congiunta – queste compagnie hanno deciso di sospendere i test Enl sui loro cibi. I test sull’etichetta delle bevande proseguiranno perché queste non sono commercializzate in quantità (o porzioni) minori di 100 ml, e se anche fosse questo tipo di etichettatura non si applica a quantità minori”. Nel contempo i cinque colossi chiedono l’istituzione di un diverso ed efficace schema di etichettatura comune in tutta l’UE ed esprimono la volontà di sostenere il processo nel futuro. L’etichetta nutrizionale, in particolare quella a semaforo adottata nel Regno Unito, in realtà ha sempre suscitato forti critiche soprattutto da parte di attori della sanità pubblica in quanto forniscono informazioni nutrizionali per porzione utilizzando codici cromatici ritenuti fuorvianti che giudicano, cioè, i prodotti prescindendo da indicazioni di quantità consigliate. I più critici portano ad esempio il Parmigiano Reggiano, l’olio extra-vergine di oliva e il Prosciutto di Parma, tutti marchiati con semaforo rosso. Nestlè ha ritenuto anche di diffondere un proprio comunicato in cui dice di rinunciare definitivamente al progetto: “Diverse parti interessate ed alcuni governi non sono d’accordo sull’approccio per porzioni dell’Enl. Alla luce di questo ed in assenza di quantità definite per porzione Nestlè conclude il suo coinvolgimento sia nei test Enl sia nello sviluppo complessivo dello schema. Tuttavia quanto sperimentato finora ci è stato utile per acquisire informazioni su come l’etichettatura nutrizionale dovrebbe evolversi per fornire ai consumatori le giuste informazioni. Chiediamo quindi alla Commissione Europea di continuare a livello UE la discussione affinché si giunga ad una soluzione armonizzata”.     Sempre separatamente, una sospensione per l’etichetta a semaforo è stata annunciata da Unilever, che in precedenza aveva detto di voler provare l’etichetta in Spagna e in Polonia, mentre un portavoce di Mondelez riferisce che l’impresa non ha ancora iniziato il lancio dell’Enl, ma che pianifica di farlo nel futuro. Coca Cola, ritenendo fermamente che fornire alle persone le informazioni chiare e significative di cui hanno bisogno “possa consentire scelte alimentari più informate e più sane” si impegna a condividere pubblicamente le sue conoscenze “per sostenere la guida dell’UE nel processo in corso. Andando avanti valuteremo i prossimi passi, e dove svolgere i test a seconda del contesto locale, e seguendo l’impegno costante con i nostri stakeholder locali”.
  • ALLUNGARE LA DATA DI SCADENZA DEL LATTE FRESCO PER RIDURRE LO SPRECO ALIMENTARE: LA PROPOSTA CHE PIACE AL MIPAAFT

    La lotta allo spreco alimentare e alle emissioni di biossido di carbonio passa anche dalle date di scadenza, soprattutto quella di prodotti deperibili come il latte fresco e i latticini. Per questo, Granarolo ha dato vita a un piano anti-spreco per allungare la shelf-life dei suoi prodotti, puntando a una riduzione del 10% dei resi. Ma c’è un problema: la scadenza del latte fresco è rigidamente stabilita per legge. 

    Leggi tutto

  • CONFIMI INDUSTRIA BARI ORGANIZZA EVENTO “PUGLIA INCONTRA CILE: SVILUPPO E COOPERAZIONE"”

    Confimi Industria Bari, Bat, Foggia ha organizzato l’evento “la Puglia incontra il Cile: sviluppo e cooperazione” che si svolgerà il prossimo giovedì 11 luglio dalle 15 nella Camera di Commercio di Bari in occasione della prima visita ufficiale in Puglia di Sergio Romero Pizarro, Ambasciatore della Repubblica del Cile in Italia dallo scorso marzo.

    Leggi tutto

  • COCA-COLA & PEPSI SI CONVERTONO ALL'ACQUA

    I due giganti delle cola, la PepsiCo e la Coca-Cola, sembrano rassegnate alla perdita di acquirenti delle bevande grazie alle quali sono diventate marchi globali e decisi a puntare su altro. Soprattutto sull’acqua, ovvero sulla controparte delle sempre più diffuse borracce e, al tempo stesso, sulla risposta ai divieti di utilizzo della plastica monouso. Ne dà notizia il Wall Street Journal, che racconta gli ultimi progetti delle due aziende.

    Leggi tutto

  • GELATO ARTIGIANALE: COSA CONTROLLARE PER SCEGLIERE IL MIGLIORE

    Il gelato è forse il dolce più amato dagli italiani, come dimostrano le quasi 20 mila gelaterie sul territorio. Il problema è imparare a distinguere le vere gelaterie artigianali da quelle che non lo sono perché impiegano prevalentemente preparati e semilavorati industriali. La questione è complicata anche per la mancanza di una regolamentazione sulle caratteristiche del “gelato artigianale”.

    Leggi tutto

  • CARNE AVICOLA, UNA FILIERA DA OTTO MILIARDI

    Il valore condiviso della filiera avicola italiana sfiora gli 8 miliardi di euro. Nel 2018, la filiera di pollo e carni bianche ha infatti generato ricadute economiche e occupazionali per 7,9 miliardi, pari a quasi mezzo punto del Pil 2018 (0,45%) e superiori alla crescita attesa per l’intera economia italiana per il 2019 (+0,3%). A rivelarlo lo studio Althesys ‘La filiera avicola crea valore per l’Italia’ presentato a Roma durante l’assemblea di

    Leggi tutto

  • FARINE, CRESCE LA RICHIESTA DI BIOLOGICO E INTEGRALE

    In occasione dell’assemblea generale annuale ItalmopaAssociazione industriali mugnai d’Italia ha illustrato i dati relativi all’andamento del comparto delle farine nel 2018. Il volume dei prodotti dell’industria molitoria (farine, semole e sottoprodotti della macinazione) ha superato, gli 11 milioni di tonnellate. Un quantitativo sostanzialmente 

    Leggi tutto