I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

PROFILI NUTRIZIONALI, 10 ANNI DI LATITANZA

I profili nutrizionali dovevano venire adottati dalla Commissione europea entro e non oltre il 19.1.09. Secondo quanto prescritto nel regolamento sui ‘Nutrition & Health Claims’ (NHC), entrato in vigore 3 anni prima. Al preciso scopo di impedire che le etichette e pubblicità del junk-food (o HFSS, High Fat, Sugar and Salt) potessero vantare prerogative ‘salutistiche’.

Il legislatore europeo aveva inteso mettere fine al grande inganno realizzato da Big Food nei confronti dei consumatori. I quali vengono indotti ad acquistare cibo-spazzatura credendo che esso sia benefico per la salute. Poiché in assenza dei profili nutrizionali è possibile promuovere le ‘virtù’ legate all’aggiunta di minerali e vitamine di sintesi, o di fibre, su prodotti HFSS. Come gli intrugli di cereali per la prima colazione, barrette e dolciumi che sono invece satolli di zuccheri e olio di palma. Gli alimenti ‘vegani’ carichi di sale. O le porcherie destinate ai bambini (come Nesquik Opti-Start, 75% zuccheri). Tutti cibi il cui consumo deve venire ridotto al minimo, proprio per esigenze nutrizionali e di salute. La Commissione europea ha però disatteso i propri compiti. Prima sotto Manuel Barroso, poi sotto Jean-Claude Juncker. Anzi addirittura – su impulso degli europalmamentari a servizio della lobby di Ferrero, come il candidato governatore del Piemonte Alberto Cirio – Bruxelles ha ipotizzato di eliminare la norma. Alcuni Stati membri – come la Franciala Spagna e l’Inghilterra, da ultimo anche la Germania – hanno frattanto adottato politiche sanitarie volte a mitigare la prevalenza di obesità, sovrappeso e malattie correlate. Ma non basta. L’Europa chiacchiera senza portare avanti alcuna iniziativa di concreta utilità. E disattendendo le raccomandazioni OMS, anche per quanto attiene al contrasto delle oscene politiche commerciali di Big Food. La quale infatti continua ad abusare di pubblicità e social media per incoraggiare il consumo di cibo spazzatura. In Italia, di male in peggio, la lobby dominante insiste nell’osteggiare tali misure, con il sostegno della stampa di regime che falsamente dipinge tali misure come ‘attacchi al Made in Italy’.  Le organizzazioni dei consumatori hanno ripetutamente invitato la Commissione a definire i profili nutrizionali, nel corso dell’ultimo decennio. Nel 2018 BEUC (‘the European Consumers Organization’) e 11 delle sue consociate nazionali – tra cui AltroConsumo in Italia – hanno presentato una serie di esempi di cibi malsani commercializzati come ‘salutari’ nel Mercato interno. Ma la Commissione, ancora una volta, non ha reagito.
  • IN VIGORE L'ACCORDO DI LIBERO SCAMBIO UE-GIAPPONE

    È il più importante accordo commerciale di libero scambio mai siglato dall’Unione Europea, e diventato operativo, è destinato a cambiare completamente i rapporti tra Unione Europea e Giappone. Con l’entrata in vigore

    Leggi tutto

  • INNOVAZIONE, COMPETITIVITA' E IMPRESA: IL FUTURO E' ADESSO!

    Ora più che mai interi settori produttivi stanno affrontando un cambiamento storico, destinato a segnare uno spartiacque con i modelli di business precedenti. Si parla di quarta rivoluzione industriale. Di questo si è discusso ad Altamura presso la Molitecnica Sud snc in un incontro promosso da Confimi Industria Puglia:

    Leggi tutto

  • CONTROLLI: REPORT ATTIVITA' OPERATIVA ICQRF NEL 2018

    54mila controlli, 561 interventi fuori dei confini nazionali e sul web, con un incremento, rispetto al 2017, del 90%. Oltre 700 notizie di reato, più del doppio rispetto allo scorso anno. 
    È on line sul sito del Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, il Report 2018 dell'attività operativa dell'Ispettorato Centrale Repressione Frodi

    Leggi tutto

  • ART 62 SUI PAGAMENTI NELL'AGROALIMENTARE E I POTENZIALI RITARDI “DA FATTURAZIONE ELETTRONICA”

    L’introduzione della fatturazione elettronica ha provocato una serie di disagi in via di risoluzione vi è però almeno un caso specifico per il quale ai ritardi tecnici in partenza si sommano quelli di recapito. Il caso riguarda (ed è fonte di lamentela) la disciplina dei termini di pagamento nell’agroalimentare

    Leggi tutto

  • FOOD DELIVERY, IL BOOM DEI PASTI A DOMICILIO

    Food delivery in Italia, il boom è conclamato. Dai 207 milioni di euro nel 2017 ai 350 milioni del 2018, +69%. Un servizio innovativo e molto apprezzato, se pur con qualche punto critico, protagonista di una crescita vertiginosa. In principio fu la pizza a domicilio. A suon di adesivi sulle cabine telefoniche, volantini sui parabrezza e nelle cassette della posta, la pizza express

    Leggi tutto

  • SUCCO DI FRUTTA ACE FRUTTISSIMA RICHIAMATO PER PRESENZA DI FRAMMENTI DI VETRO

    Il ministero della Salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di succo di frutta ACE a marchio Fruttissima per la possibile presenza di frammenti di vetro, in seguito alla segnalazione di un cliente.

    Leggi tutto