I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

PROFILI NUTRIZIONALI, 10 ANNI DI LATITANZA

I profili nutrizionali dovevano venire adottati dalla Commissione europea entro e non oltre il 19.1.09. Secondo quanto prescritto nel regolamento sui ‘Nutrition & Health Claims’ (NHC), entrato in vigore 3 anni prima. Al preciso scopo di impedire che le etichette e pubblicità del junk-food (o HFSS, High Fat, Sugar and Salt) potessero vantare prerogative ‘salutistiche’.

Il legislatore europeo aveva inteso mettere fine al grande inganno realizzato da Big Food nei confronti dei consumatori. I quali vengono indotti ad acquistare cibo-spazzatura credendo che esso sia benefico per la salute. Poiché in assenza dei profili nutrizionali è possibile promuovere le ‘virtù’ legate all’aggiunta di minerali e vitamine di sintesi, o di fibre, su prodotti HFSS. Come gli intrugli di cereali per la prima colazione, barrette e dolciumi che sono invece satolli di zuccheri e olio di palma. Gli alimenti ‘vegani’ carichi di sale. O le porcherie destinate ai bambini (come Nesquik Opti-Start, 75% zuccheri). Tutti cibi il cui consumo deve venire ridotto al minimo, proprio per esigenze nutrizionali e di salute. La Commissione europea ha però disatteso i propri compiti. Prima sotto Manuel Barroso, poi sotto Jean-Claude Juncker. Anzi addirittura – su impulso degli europalmamentari a servizio della lobby di Ferrero, come il candidato governatore del Piemonte Alberto Cirio – Bruxelles ha ipotizzato di eliminare la norma. Alcuni Stati membri – come la Franciala Spagna e l’Inghilterra, da ultimo anche la Germania – hanno frattanto adottato politiche sanitarie volte a mitigare la prevalenza di obesità, sovrappeso e malattie correlate. Ma non basta. L’Europa chiacchiera senza portare avanti alcuna iniziativa di concreta utilità. E disattendendo le raccomandazioni OMS, anche per quanto attiene al contrasto delle oscene politiche commerciali di Big Food. La quale infatti continua ad abusare di pubblicità e social media per incoraggiare il consumo di cibo spazzatura. In Italia, di male in peggio, la lobby dominante insiste nell’osteggiare tali misure, con il sostegno della stampa di regime che falsamente dipinge tali misure come ‘attacchi al Made in Italy’.  Le organizzazioni dei consumatori hanno ripetutamente invitato la Commissione a definire i profili nutrizionali, nel corso dell’ultimo decennio. Nel 2018 BEUC (‘the European Consumers Organization’) e 11 delle sue consociate nazionali – tra cui AltroConsumo in Italia – hanno presentato una serie di esempi di cibi malsani commercializzati come ‘salutari’ nel Mercato interno. Ma la Commissione, ancora una volta, non ha reagito.
  • SUMMER FANCY FOOD SHOW, 9 TENDENZE DA NON PERDERE

    Il Summer Fancy Food Show di Specialty Food, edizione 2019, ha acceso i riflettori su di una nuova serie di novità nel mondo del Food & Beverage. L’edizione di quest’anno ha visto la partecipazione di oltre 2.500 espositori: il luogo ideale per vedere e gustare il futuro del cibo. Secondo Symrise, questi sono i 9 nuovi trend in arrivo dall’altra sponda dell’Atlantico:

    Leggi tutto

  • CONFIMI INDUSTRIA BARI PUNTA SUL CILE, PIATTAFORMA STRATEGICA PER LE IMPRESE PUGLIESI

    Confimi Industria Bari punta sul Cile e lo fa attraverso una proficua collaborazione con l’Ambasciata cilena in Italia e l’agenzia di sviluppo ProChile. “Porteremo le nostre aziende nel più tecnologico paese sudamericano e apriremo anche al turismo e all’agroalimentare”. Così Sergio Ventricelli, presidente di Confimi Industria Bari, Bat, Foggia promotore dell’incontro odierno nella Camera di Commercio di Bari in collaborazione con le due istituzioni cilene, Dialogòi, Distretto Produttivo dell’Industria Culturale e PugliaPromozione (GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=G-PhuNoEep4&t=13s)

    Leggi tutto

  • FORMAGGI ITALIANI, 2019 BRILLANTE PER L’EXPORT

    Il 2019 si sta concretizzando come un anno brillante per l’export di formaggi italiani, con un vero e proprio boom in Giappone, Stati Uniti e Indonesia. Nel primo trimestre, in base ai dati di Assolatte l’export caseario nazionale è cresciuto del +12,2% in valore e del +8,3% in volume proseguendo

    Leggi tutto

  • E-COMMERCE, IL FOOD CRESCERA’ NEI PROSSIMI 5 ANNI

    Un recente studio di Field Agent illustra la crescente disponibilità dei consumatori americani a spostare almeno una parte della loro spesa di generi alimentari in direzione dell’e-commerce. Man mano che un numero sempre maggiore di negozi di alimentari lancia o espande i servizi di e-commerce, sta diventando infatti più facile per i consumatori provare gli acquisti online.

    In base al sondaggio, la spesa all’interno degli store fisici resta il metodo principale per il 97% degli acquirenti.

    Leggi tutto

  • ACCORDO CONFIMI INDUSTRIA – EULER HERMES

    Confimi Industria  ha voluto confermare la propria partnership con Euler Hermes, sottoscrivendo una nuova convenzione più vantaggiosa in sostituzione di quella in vigore dal 2016. Euler Hermes è il leader dell’assicurazione del credito in Italia ed opera anche nel settore delle Cauzioni, e nel Recupero Crediti.

    Leggi tutto

  • CARNE COLTIVATA: VANTAGGI ETICI E PROGRESSI TECNOLOGICI

    La carne coltivata realizzata facendo crescere cellule staminali del muscolo di manzo, maiale, pollo o pesce fino a ottenere fibre indistinguibili da quelle della carne tradizionale, è una realtà che attende solo le autorizzazioni per entrare sul mercato.

    Leggi tutto