I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata

AGENZIA ICE E AMAZON: ACCORDO PER IL MADE IN ITALY

Le piccole e medie imprese italiane hanno un nuovo alleato nell’export digitale grazie alla partnership siglata tra Agenzia ICE e Amazon: i due attori hanno infatti annunciato un’intesa volta a sviluppare e promuovere l’imprenditorialità italiana in Italia, Regno Unito, Francia, Germania, Spagna e Stati Uniti“Le nuove linee di indirizzo di Agenzia ICE – ha sottolineato Carlo Ferro, Presidente dell’Agenzia ICE, durante la conferenza stampa di presentazione – pongono fra le priorità sia le PMI sia i servizi per accelerare l’adozione dei processi digitali a supporto dell’export. Questo accordo è un primo step per ridurre il gap di accesso all’export on line per le PMI italiane. Contiamo di coinvolgere almeno 600 PMI offrendo loro traffico, visibilità e vendite in cinque mercati tra i più importanti dell’e-commerce occidentale. Altre iniziative seguiranno per offrire alle imprese un ‘menu’ di soluzioni customizzate per accelerare il commercio online su tutti i principali mercati”L’accordo prevede la realizzazione di un piano di sviluppo per le aziende e le loro referenze, che saranno inserite nella vetrina di Amazon dedicata esclusivamente al made in Italy. Amazon si è spesso dimostrata un acceleratore per la crescita del PMI: oltre la metà di tutti i prodotti venduti sui suoi siti nel mondo provengono da milioni di piccole e medie imprese, incluse le oltre 12.000 PMI italiane, che hanno raggiunto la cifra record di oltre 500 milioni di euro di vendite all’estero nel 2018, con una crescita costante di più del 50% anno su anno. “Da quando abbiamo lanciato Amazon in Italia – ha sottolineato Mariangela Marseglia, Country Manager di Amazon in Italia e Spagna – abbiamo investito nell’imprenditoria italiana creando una serie di strumenti di supporto e servizi che aiutassero le PMI ad avviare la loro attività online attraverso i 18 siti di Amazon, in 12 lingue, per raggiungere milioni di potenziali nuovi clienti. Con questa intesa le aziende saranno in grado di vendere a milioni di clienti nel mondo tanto facilmente quanto vendere nel proprio Paese”. La nuova partnership si basa su tre pilastri: recruiting di nuove aziende e inserimento di prodotti nella vetrina Made in Italy di Amazon; formazione e supporto alle PMI che hanno avuto accesso al progetto; sviluppo di attività di marketing per la promozione delle vendite online. I due player supporteranno centinaia di nuove aziende con sede legale in Italia e con prodotti che rispettano i requisiti del made in Italy. La collaborazione, di fatto, aiuterà queste realtà ad avere visibilità su migliaia di nuovi prodotti disponibili nei diversi siti globali di Amazon (tra cui Amazon.co.uk, Amazon.de, Amazon.fr, Amazon.es e Amazon.com). I venditori riceveranno supporto attraverso eventi di formazione offline(eventi, roadshow) e online (webinar) guidati dalla presenza di esperti di Amazon. Inoltre, Amazon fornirà l’accesso a materiali consultabili online su come sviluppare al meglio il percorso di vendita online e Agenzia ICE finanzierà delle campagne di advertising digitalesui siti Amazon.co.uk, Amazon.de, Amazon.fr, Amazon.es e Amazon.com. Le aziende avranno la possibilità di vendere i loro prodotti all’interno della vetrina di Amazon dedicata esclusivamente al made in Italy lanciata nel 2015 e che oggi conta oltre 750 piccole e medie imprese e più di 94.000 prodotti disponibili. Il 75% di queste aziende vendono già all’estero e oltre il 45% dei loro prodotti vengono comprati dai clienti Amazon in Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti.
  • ALLUNGARE LA DATA DI SCADENZA DEL LATTE FRESCO PER RIDURRE LO SPRECO ALIMENTARE: LA PROPOSTA CHE PIACE AL MIPAAFT

    La lotta allo spreco alimentare e alle emissioni di biossido di carbonio passa anche dalle date di scadenza, soprattutto quella di prodotti deperibili come il latte fresco e i latticini. Per questo, Granarolo ha dato vita a un piano anti-spreco per allungare la shelf-life dei suoi prodotti, puntando a una riduzione del 10% dei resi. Ma c’è un problema: la scadenza del latte fresco è rigidamente stabilita per legge. 

    Leggi tutto

  • CONFIMI INDUSTRIA BARI ORGANIZZA EVENTO “PUGLIA INCONTRA CILE: SVILUPPO E COOPERAZIONE"”

    Confimi Industria Bari, Bat, Foggia ha organizzato l’evento “la Puglia incontra il Cile: sviluppo e cooperazione” che si svolgerà il prossimo giovedì 11 luglio dalle 15 nella Camera di Commercio di Bari in occasione della prima visita ufficiale in Puglia di Sergio Romero Pizarro, Ambasciatore della Repubblica del Cile in Italia dallo scorso marzo.

    Leggi tutto

  • COCA-COLA & PEPSI SI CONVERTONO ALL'ACQUA

    I due giganti delle cola, la PepsiCo e la Coca-Cola, sembrano rassegnate alla perdita di acquirenti delle bevande grazie alle quali sono diventate marchi globali e decisi a puntare su altro. Soprattutto sull’acqua, ovvero sulla controparte delle sempre più diffuse borracce e, al tempo stesso, sulla risposta ai divieti di utilizzo della plastica monouso. Ne dà notizia il Wall Street Journal, che racconta gli ultimi progetti delle due aziende.

    Leggi tutto

  • GELATO ARTIGIANALE: COSA CONTROLLARE PER SCEGLIERE IL MIGLIORE

    Il gelato è forse il dolce più amato dagli italiani, come dimostrano le quasi 20 mila gelaterie sul territorio. Il problema è imparare a distinguere le vere gelaterie artigianali da quelle che non lo sono perché impiegano prevalentemente preparati e semilavorati industriali. La questione è complicata anche per la mancanza di una regolamentazione sulle caratteristiche del “gelato artigianale”.

    Leggi tutto

  • CARNE AVICOLA, UNA FILIERA DA OTTO MILIARDI

    Il valore condiviso della filiera avicola italiana sfiora gli 8 miliardi di euro. Nel 2018, la filiera di pollo e carni bianche ha infatti generato ricadute economiche e occupazionali per 7,9 miliardi, pari a quasi mezzo punto del Pil 2018 (0,45%) e superiori alla crescita attesa per l’intera economia italiana per il 2019 (+0,3%). A rivelarlo lo studio Althesys ‘La filiera avicola crea valore per l’Italia’ presentato a Roma durante l’assemblea di

    Leggi tutto

  • FARINE, CRESCE LA RICHIESTA DI BIOLOGICO E INTEGRALE

    In occasione dell’assemblea generale annuale ItalmopaAssociazione industriali mugnai d’Italia ha illustrato i dati relativi all’andamento del comparto delle farine nel 2018. Il volume dei prodotti dell’industria molitoria (farine, semole e sottoprodotti della macinazione) ha superato, gli 11 milioni di tonnellate. Un quantitativo sostanzialmente 

    Leggi tutto