I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Agnelli su emergenza Coronavirus: "Si rafforzi ulteriormente la cassa integrazione in deroga. Per l'economia del paese servono almeno 25 miliardi"

“Occorre rifinanziare subito la cassa integrazione in deroga, con tutta l’Italia in stato di emergenza e di contenimento, servono fondi ingenti” dichiara Paolo Agnelli presidente di Confimi Industria all’indomani dell’emanazione del DPCM che dichiara tutto il paese “zona rossa”. “Se vogliamo salvare il sistema economico italiano, servono come minimo 25 miliardi” spiega Agnelli scendendo nel concreto “In Lombardia stanno chiudendo totalmente o parzialmente quasi tutte le aziende: alcune perché non hanno lavoro, altre perché hanno i dipendenti ammalati, altri ancora perché i dipendenti per paura di contagio non vogliono recarsi a lavoro”.
“Stiamo vivendo in uno stato di emergenza tale che non possiamo più permetterci di aspettare” è un grido di allarme quello del presidente del manifatturiero “si annullino le tasse, a partire dall’Imu sui capannoni industriali, si riducano le imposte su energia e lavoro soprattutto per permettere a chi esporta di poter competere sui mercati e si dia ossigeno agli imprenditori permettendogli davvero di accedere al credito e ottenere liquidità”. “È inoltre fondamentale che lo Stato segua da vicino l’applicazione della moratoria sui mutui delle piccole e medie imprese, non lasciando ai soli istituti di credito il vaglio delle richieste” ricorda Agnelli e conclude “Sarebbe poi auspicabile per non dire fondamentale un biennio a fisco ridotto, due anni almeno dove fisco e burocrazia non siano la priorità”.
Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social