Confimi Alimentare: “Criticità aziendali e vantaggi competitivi della Gdo mentre aumentano quasi tutti i costi “

Carenza di prodotti (latte, carta, imballi, mangimi, pallet, olii, alluminio, vetro,..), difficoltà a pianificare le produzioni (utilizzo capacità produttive) , rotture di stock sugli scaffali (livello di servizio commerciale) , instabilità dei prezzi di molte materie prime (valori moltiplicati) , continue revisioni dei budget (costi e pricing) rappresentano le criticità aziendali della Grande Distribuzione organizzata (Gdo) secondo i produttori di Confimi Industria Alimentare in un periodo in cui aumentano tutti i costi. Altre problematiche la difficoltà ad interpretare i trend e i comportamenti di acquisto (value for money) , molta operatività, poca strategia, rallentamento progetti innovazione. Rispetto allo scorso anno nella Gdo si consolidano ulteriormente i discount (+8,7), per gli altri lievi aumenti (ipermercati, prossimità, drugstore) o numeri in perdita ( supermercati, superstore ed e-commerce). Nel contempo aumentano tutti i costi, dalle materie prime ai costi energetici , ai trasporti. Spiccano fra i rincari delle materie prime il + 71 dei cereali ed il + 83 di latte e derivati. Sono però materie prime energetiche e trasporti a preoccupare di più: + 176 per il gas naturale , + 248 per i noli marittimi (container) i numeri che destano più sconcerto. A fronte di ciò quali sono i vantaggi competitivi della Gdo secondo gli stessi produttori? Le dimensioni (economie di scala, costi di marketing, costi logistici), la sostenibilità conti economici (margini versus quote di mercato) , la riqualificazione dei punti di vendita (produttività delle vendite) , gli investimenti in comunicazione (valori di distintività dell’Insegna) , la cultura di marketing (relazioni di loyalty con i consumatori) , il portafoglio canali di vendita (presenza nei format vincenti) e le politiche assortimentali (livello di servizio ai consumatori). Per Confimi Alimentare “Il divario tra prezzi alla produzione e prezzi al consumo quindi cresce e la filiera del largo consumo non ha altra scelta che colmare parte della forbice. Malgrado i primi segnali di ripresa dell’efficacia delle attività promozionali nei supermercati l’utilizzo della leva diminuisce. Conseguenze di tutto ciò? Si compra di più nel discount rispetto ad un anno fa e si torna negli ipermercati alla ricerca di convenienza. Si comprano prodotti meno costosi: le famiglie ricercano opportunità nelle fasce di prezzo medio, salvaguardando il valore della spesa”.  

Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social


Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline