Indagine Confimi Industria – Agnelli: “Torna lo spettro del Credit Crunch”

È ufficiale: il 2018 si è chiuso con un segno più ma con margini molti inferiori rispetto alle previsioni fatte a settembre, con un indicatore di crescita del fatturato che risulta più basso di quasi 20 punti rispetto alle previsioni, con un trend analogo per la produzione e – dato ancor più allarmante - per quel che ha riguardato gli ordinativi, arrivati a segnare un -25% rispetto alle previsioni. Questa la fotografia scattata dal Centro Studi di Confimi Industria. 

“La percezione di un forte rallentamento l’avevamo avuta già dopo la fine dell’estate – commenta Paolo Agnelli Presidente di Confimi Industria - Proprio a causa dell’inversione di rotta, la previsione dei nostri industriali relativamente al semestre 2019 è estremamente prudente: rispetto ad un anno fa l'outlook per fatturato, previsioni ed ordini è in calo di 15 punti sull'indicatore sintetico, che tuttavia si mantiene positivo. C’è un allarme sull’export: 1 azienda su 3 non esporta più”. 
Secondo l’indagine il 75% delle aziende individua nella triade “forte concorrenza interna, prezzo di mercato non remunerativo e mancanza di personale qualificato” i principali freni alla competitività.

“Il tutto – prosegue  Agnelli osservando i dati -  all’interno di una cornice economica nella quale il costo del lavoro, il costo dell’energia e il peso della burocrazia vittima di una mancata semplificazione sono gli ostacoli permanenti per le pmi nostrane, soprattutto manifatturiere”.  
Forte preoccupazione poi emerge dall’analisi rapporto banca-impresa a partire dal dialogo fra le parti: soltanto il 25% delle aziende  ha ricevuto dai propri partner finanziari indicazioni o consigli per migliorare il proprio rating e  limitandoci a quest'ultimo indicatore, una azienda su due dichiara di non aver ricevuto dalla banca il rating assegnatole.   

“1/3 delle aziende – commenta il Presidente di Confimi Industria -  ha segnalato aumenti nei costi di accesso al credito e nei tassi applicati sia per gli smobilizzi che per i fidi di cassa. Questi sono segnali di un potenziale irrigidimento del mercato del credito, e, arrivano anche sul fronte degli affidamenti, basti pensare che l'8% ha dichiarato che gli sono stati negati nuovi fidi e un altro 6% ha segnalato una riduzione dei fidi già in essere: siamo di fronte ad un nuovo credit crunch”. 
L’indagine ha poi portato ad analizzare anche dati sul versante occupazionale:  1/3 delle imprese coinvolte nell’indagine ha in programma nuove assunzioni nel corso dell’anno e rimane alto il rischio – per 2/3 delle imprese – di non trovare figure adeguate.  Segnali positivi anche sul rinnovo dei contratti a termine: ne saranno rinnovati infatti circa il 75% e sul lato ammortizzatori sociali: oltre il 90% delle pmi non ha utilizzato gli ammortizzatori sociali nel 2018 e non ha intenzione di farlo nell’anno in corso. 
 
Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social


Save
Cookies user preferences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline