CCNL PMI meccaniche: raccordo difficile tra Confimi e Fim-Cisl e Uilm-Uil Chini: “Abbiamo riscontrato poco spazio di manovra”

Confimi meccanica ha incontrato ieri le delegazioni di Fim-Cisl e Uilm-Uil guidate rispettivamente dal Segretario nazionale Luca Colonna e dal Segretario nazionale Ferdinando Uliano per un nuovo confronto sul rinnovo del contratto di settore che coinvolge oltre 80 mila lavoratori.  
La trattativa - partita dalla presa in esame delle richieste avanzate da parte delle sigle sindacali lo scorso 2 ottobre - è rimasta piuttosto al palo. “Non si è ancora aperto uno spiraglio, non sembra esserci molto spazio di manovra” è il commento a caldo di Riccardo Chini presidente di Confimi Impresa Meccanica.  
Sul tavolo infatti pesano le richieste di un importante incremento salariale (+8%, ovvero circa 154€ al mese per un 5° livello), il rafforzamento della previdenza integrativa, nuove politiche di welfare, formazione continua. “Ribadiamo l’importanza di andare tutti nella stessa direzione – ha sottolineato Chini - perché valorizzare i propri dipendenti significa accrescere il valore delle imprese stesse, ma bisogna lavorare in sinergia e con ponderazione”. 
Proprio con questa indicazione le delegazioni hanno fissato due appuntamenti tecnici nel mese di novembre e una plenaria il 3 dicembre.
Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social


Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline