Covid-19 | Confimi Industria: “Serve un meccanismo automatico per chi avrà crollo di fatturato”

“Servono rassicurazioni urgenti sulla remissione in termini di versamenti e adempimenti” è la richiesta di Confimi Industria in riferimento alle misure di sospensione dell’attività espresse nel Decreto del Presidenza del Consiglio dei Ministri licenziato ieri.

Le proroghe a fine maggio – articolo 62 comma 2 del D.L. 18  - previste per i soli soggetti con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro sono a questo punto insufficienti. Secondo la Confederazione dell’industria manifatturiera infatti le stesse misure (proroga per ritenute, contributi e Iva per il mese di  marzo) vanno estese a tutti i soggetti che alla mezzanotte del 25 marzo dovranno chiudere i battenti fino al prossimo 3 aprile. 
Serve altresì un meccanismo che, almeno fino alla fine dell’emergenza CODIV-19, preveda la “rimessione in termini” con meccanismo mobile e automatico di almeno 6 mesi per chi ha un crollo di fatturato superiore al 20% rispetto al mese precedente. 
La verifica delle condizioni di premessa, spiega Confimi Industria, potrà essere accertata dall’Amministrazione finanziaria entro i termini previsti per le situazioni di conclamata emergenza; direzione in cui vanno anche le previsioni scontenute nell’articolo 67 comma 4 del DL. L’estensione dell’accertamento va esclusa, invece, per chi con senso di responsabilità (avendo ancora la possibilità di lavorare) riuscirà ad effettuare con regolarità i versamenti. 
La proroga a fine maggio va estesa, ricorda Confimi, anche alla sospensione degli adempimenti, diversi dai versamenti (di cui all’articolo 62 comma 1) e va chiarito che riguarda anche i termini di emissione della fattura e dei corrispettivi telematici in regime transitorio.

Subito da prorogare di almeno un anno (quindi almeno fino luglio 2021) anche la decorrenza delle disposizioni sulle precompilate Iva – registri, Li.Pe., DAI - (’articolo 4 del D.lgs 127/2015) e di conseguenza dei termini attualmente fissati al 30 giugno 2020 e al 30 settembre 2020 entro cui i contribuenti dovrebbero adeguare rispettivamente registratori telematici e programmi di fatturazione elettronica alle nuove specifiche tecniche recentemente approvate. Per gli operatori le precompilate non rappresenteranno una semplificazione attesa e – lato contribuente - le precompilate Iva non saranno affidabili nei loro saldi. Anche la lotteria degli scontrini può aspettare: ora non c’è tempo per queste cose ma concentriamoci, piuttosto, nel togliere tutta la zavorra burocratica possibile.
Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social


Save
Cookies user preferences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline