Confimi Industria a confronto col Min Orlando: “Percorrere via dell’ammortizzatore unico e delle politiche attive del lavoro. Superare l’assistenzialismo”.

“È quanto mai necessaria una riforma degli ammortizzatori sociali che vada nella direzione di un unico strumento, così da semplificare le procedure e velocizzare le risposte per imprese e lavoratori”. È una delle posizioni che Confimi Industria ha portato all’attenzione del Ministro del Lavoro e degli Affari Sociali Andrea Orlando in occasione dell’incontro di ieri sera con le parti sociali promosso dal Ministero.

Confimi Industria – che ha preso parte all’incontro con il Vicepresidente Vicario Arturo Alberti e il Responsabile delle Relazioni Industriali Mario Borin - ha inoltre evidenziato la necessità di strutturare una seria politica attiva a sostegno del ricollocamento dei lavoratori, sottolineando come negli ultimi anni si sia speso – forse anche troppo – per le politiche passive.

“Opportuno – sottolinea la Confederazione del manifatturiero privato italiano - insistere con lo scambio formazione e riqualificazione professionale, e arrivare alla ricollocazione magari intervento sulla riforma degli attuali centri per l'impiego, realtà che in molti territori sono ancora troppo ingessate”.

Circa il superamento del blocco dei licenziamenti il vicepresidente Alberti ha ricordato “Non si può continuare con un blocco generalizzato, crediamo sia necessario individuare un distinguo graduale legato ai settori e alle filiere”.

Affondo di Confimi anche sul piano vaccinale: “vaccinare in azienda vuol dire rivolgersi potenzialmente – il vaccino è sempre su base volontaria – a 16 milioni di lavoratori ad oggi occupati presso le PMI, vuol dire una maggiore serenità e l’avvio di nuovi progetti industriali”.

Rimanendo sul tema lavoratori e programmazione, Confimi Industria ha indicato come necessario il superamento del Decreto Dignità che, sicuramente rivisto nelle causali e nella durata, può rappresentare uno strumento utile per la creazione di posti di lavoro.

La Confederazione del manifatturiero e il Ministro Orlando hanno poi condiviso l’importanza del confronto come strumento di coesione sociale e della consultazione come momento di condivisione utile a smussare, tra le altre cose, le incomprensioni che poi arrivano in parlamento.

Rispondendo alle proposte di Confimi Industria il Ministro Orlando ha indicato come la vaccinazione e una seria battaglia per la semplificazione. Su Formazioni e Ammortizzatori sociali fondamentale il ruolo delle Regioni che saranno parte integrante del confronto.

Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social