Turismo | Il Ministro Garavaglia a Confimi Industria: “Nel prossimo decreto aiuti anche per i bus turistici”

Il Ministero del Turismo non esisteva da trent’anni, stiamo lavorando per superare le frammentazioni e unificare le competenze oggi disperse in altri Ministeri e a livello Regionale” esordisce così il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia invitato da Confimi Industria a intervenire in occasione del Consiglio Direttivo che riunisce le figure apicali della Confederazione del manifatturiero italiano e delle categorie direttamente legate al turismo, come i bus turistici e la filiera horeca.

“Abbiamo iniziato a programmare, destinandoli agli enti fieristici e ai tour operator, i 550 milioni di fondi che il ministero aveva già stanziato ma che erano ancora in cassa e le azioni da mettere in campo sono ancora tante” sottolinea il Ministro.

Fondi che, come segnalato più volte dal Comitato Bus Turistici aderente a Confimi Industria, non sono mai arrivati alla categoria che è costretta a pagare nel frattempo ingenti costi fissi e che vede i propri mezzi svalutati dal mercato. Proprio al comparto dei bus turistici sono arrivate le rassicurazioni di Garavaglia: “Se non già all’interno del Decreto Sostegno, sicuramente nel prossimo provvedimento prevederemo ristori per i bus turistici”.

Parlando dell’estate ormai alle porte e rispondendo alle domande sollevate dalla Confederazione il Ministro Garavaglia ha voluto lanciare un messaggio di ottimistica speranza “Obiettivo del Ministero è di lavorare con programmazione, per far sì che il piano vaccinale e il vaccino naturale dato dalla bella stagione, ci permettano questa estate di riaprire e di non chiudere più, così come dall’opportunità del PNRR dobbiamo pretendere di integrare l’offerta turistica esistente e migliorarla”.

Valorizzazione delle strutture storiche, del patrimonio artistico, dei borghi con un’attenzione trasversale alla manutenzione edilizia e alla mobilità sono stati al centro della conversazione.

Ma non solo. A parlare di tutto quell’indotto e di quelle filiere che il turismo normalmente alimenta, richiedendo quindi l’intervento e l’attenzione del Ministro Garavaglia è stato proprio il presidente Agnelli. “Ci sono aziende ferme perché fornitrici di attività o inserite in filiere che in questo momento sono ferme, per decreto o per assenza del mercato di riferimento, come quello turistico” ricorda il numero uno del manifatturiero “E mi riferisco a tutti quelle pmi che forniscono il settore Horeca, i relativi lavoratori stagionali dell’hospitality, gli operatori della cultura, tutti loro vivono in un limbo, un’incertezza dettata dall’assenza di una data di ripartenza”.  

“Ci auguriamo che l’istituzione del suo Ministero – ha ricordato in chiusura Agnelli salutando e ringraziando il Ministro Garavaglia per il suo intervento – possa dare risposte rimaste inevase a lungo su cui confrontarci in un prossimo incontro al Ministero”.

 

Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social


Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline