Giovani imprenditori, 1 su 2 prevede espansione all’estero. Il 20% è di prima generazione, imprenditori per passione

Li chiamano giovani imprenditori perché non hanno ancora compiuto 40 anni eppure quasi il 70% di loro lavora da 10 anni o più. 1 su 5 inoltre è un imprenditore di prima generazione e ha scelto di esserlo per passione. 
“Figli di papà”? Niente affatto, 1 su 3 dopo essersi laureato ha conseguito un master e più del 60% ha preferito farsi le ossa in altre realtà, mentre una buona parte è volato all’estero per motivi di studio (il 42%) o per esperienze lavorative (17%).

Chi avrebbe ereditato un’azienda di famiglia ha sì privilegiato studi pertinenti all’attività già avviata dai predecessori ma non si è seduto sugli allori: l’84 dei giovani imprenditori ha infatti preferito maturare esperienza lontano dalla fabbrica di famiglia, una palestra che per la quasi totalità degli intervistati si è rivelata decisamente utile una volta fatto ingresso nella propria attività.

È la fotografia scatta dal Centro Studi di Confimi Industria che ha intercettato imprenditrici e imprenditori under40 della Confederazione delle piccole e medie imprese del manifatturiero italiano privato.

Parlando della situazione attuale le nuove leve del Made in Italy sembrano abbastanza soddisfatte del ruolo che esercitano in azienda: il 97,2% dichiara di avere autonomia decisionale nel ruolo che ricopre. Posizioni che sembrano rispecchiare anche le reali aspettative è così almeno per l’86%. Inevitabile “la pressione” del contesto familiare: avvertita in maniera piuttosto forte da 1 su 4.

Il campione si frammenta se si parla del futuro. Del resto, la nuova generazione – inutile negarlo – è entrata in azienda in un periodo storico caratterizzato dal susseguirsi di crisi di diversa natura: quella finanziaria del 2008 che è durata quasi 5 anni, l’instabilità governativa, la pandemia, la crisi energetica solo per citarne alcune.

A parlare dei dati raccolti dal Centro Studi in una indagine condotta nel mese di dicembre 2021 è Fabio Ramaioli, Direttore Generale di Confimi Industria. “Le previsioni sul futuro della manifattura inducono a una seria riflessione considerato anche le numerose difficoltà di scenario: poco più di un giovane imprenditore su tre (il 33,9%) ha pensato di vendere o cedere l'attività e poco più di 1 su 4 lo farebbe se fosse l’unico titolare. C’è invece quasi un 40% (37,3%) che avrebbe effettuato una fusione”.

“C’è poi chi ispirato a innovativi modelli di relazioni industriali – sottolinea Ramaioli – ha pensato di creare una compartecipazione societaria con i collaboratori attualmente dipendenti. E parliamo del 28% degli intervistati”.

I più giovani si sa vorrebbero lasciare fin da subito la propria impronta e, sul podio delle azioni più condivise per farlo figurano: l’espansione all’estero (50%), l’apertura di nuove filiali in Italia (40%), lo sviluppo di nuovo prodotti o di una diversificazione della produzione stessa (86,7%).

Passaggio generazionale? Tre gli scogli maggiori: il riconoscimento della leadership da parte dei collaboratori, l’assenza di deleghe da parte dei predecessori e, su tutte, la mancanza di autonomia decisionale su quelle tematiche dove la cultura è maggiore rispetto ai familiari, come può essere il caso della tecnologia.
Ma non si tratta solo di avvicendamenti familiari: 9 giovani imprenditori su 10 ritengono che il passaggio generazionale sia da affrontare anche tra i dipendenti.

I più giovani sembrano comunque ricercare lo spirito della vita associativa. “Mi vien da dire che l’associazionismo proprio come l’azienda, si tramanda” spiega il DG di Confimi Industria osservando i dati “Poco meno della metà del campione (47%) fa vita associativa sul territorio da almeno 5 anni e, se la partecipazione inizialmente derivava dal seguire le orme di chi li precedeva in azienda oggi i giovani imprenditori dichiarano di far parte della Confederazione e delle sue espressioni territoriali perché crede nel fare rete con le altre realtà del territorio nelle quali vedono colleghi e opportunità e non dei competitor” chiude Ramaioli.
Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social


Save
Cookies user preferences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline