Agnelli su energia e campagna elettorale: "Si superino i conflitti d'interesse o il nostro sistema produttivo andrà in default e si prendano provvedimenti immediati”.

"La mancata sensibilità e conoscenza del mondo industriale da parte di chi ha responsabilità politica sulle dinamiche produttive, oggi rischia di mandare in default il nostro sistema industriale" tuona Paolo Agnelli industriale e presidente di Confimi Industria in questi giorni di campagna elettorale che però sembra ignorare i problemi dell'industria italiana. 
"Del resto - aggiunge Agnelli - finché ci saranno associazioni degli industriali che non sono rappresentate da “industriali” e finché non verranno liberate da interessi contrapposti avremo queste grandi problematiche".

E per spiegarsi meglio scende nel dettaglio prendendo a esempio la guerra energetica in corso "Non si possono rappresentare al tempo stesso le società fornitrici di energia e le imprese energivore". 
Il presidente di Confimi Industria vedendo capitolare le imprese manifatturiere per i costi energetici, questione che la Confederazione dell'industria manifatturiera denuncia ai media e alla politica dal 2014, non va per il sottile: "Lo Stato non può essere azionista di aziende che detengono l’esclusiva delle vendite di energia e fare utili smisurati ai danni di cittadini e imprese per poi piangere lacrime di coccodrillo".

"Quello stesso Stato che, attraverso aziende partecipate, è fra i più grandi contribuenti di un corpo intermedio che dovrebbe rappresentare l'industria in vasta scala mentre rappresenta solo il 2.5% delle imprese” fa presente con amarezza.

"Il gettito d’IVA che lo Stato incassa è quasi triplicato in questi mesi, i redditi delle sue partecipate energivore invece quasi decuplicati" torna a sottolineare Agnelli riferendosi ad esempio ad Eni che nel primo semestre del 2022 ha fatto utili pari al 700% in più rispetto ai primi 6 mesi del 2021.

Rivolgendosi poi ai leader politici in campagna elettorale e al prossimo Governo il presidente Agnelli lancia un appello "Si liberi l’Italia da queste inefficienze e da questi conflitti di interesse. Ai nuovi futuri governanti torno a ribadire l'importanza di ascoltare le industrie piccole, medie o grandi purché libere da conflitti di interesse".

"Oggi quasi il 97.5% delle imprese è inascoltato dalla politica e non degnamente rappresentato dalle istituzioni. Perché non istituire un Ministero delle PMI visto che rappresentano quasi l’80 del PIL?" torna a proporre seriamente Agnelli.

"Si alleggerisca inoltre il MiSE della delega all'Energia. L'argomento così complesso e di vitale importanza per il settore produttivo meriterebbe un dicastero dedicato e non di essere un'appendice" ricorda ancora Agnelli.

Il presidente di Confimi lancia poi una serie di proposte. “Si applichi immediatamente il price-cap sul gas e sull’energia elettrica come han fatto Spagna e Portogallo (che hanno regolato l’aumento dei costi a un massimo del 40%) mettendo in sicurezza il proprio sistema produttivo, senza chiedere nulla alla Ue che non potrà accettare un tetto unico comune visto gli interessi contrapposti tra gli Stati Europei” fa notare Agnelli.  

“Si facciano partire da subito le iniziative per supportare le imprese negli investimenti sulle rinnovabili, anche solo tramite garanzie sui mutui ventennali.  Nel medio termine invece si prenda esempio dalle iniziative che vedono collaborare UK e Marocco, o quelle intraprese da Egitto e dell’India sull’idrogeno verde” spiega ancora Agnelli. “Noi invece costruiamo parchi fotovoltaici sui terreni demaniali in Italia, togliendo i vincoli alle aree militari”.

“Confimi industria è a disposizione per portare il proprio contributo” conclude il numero uno di Confimi Industria “e mi auguro che la campagna elettorale si basi su questi temi, basilari per l'economia di oggi e per il nostro futuro".  

 

Confederazione dell’Industria Manifatturiera Italiana e dell’Impresa Privata

Sede


Via Tagliamento, 25
00198 Roma
06/86971894

Social


Save
Cookies user preferences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline